Una domenica di novembre

Due tagliatelle con i funghi, un paio di mandaranci, un bicchiere di buon Montepulciano d’Abruzzo e lettura del giornale a corollario dell’ascolto delle notizie del TG (non dico quale tanto …). Le solite notizie, a cominciare da quelle sul Covid in Italia ed all’estero, i cortei più o meno velleitari e violenti dei no-vax, no-pass, no, no, no in Italia ma anche nel resto d’Europa. L’ennesimo “folle” islamico che  accoltella tre persone in un treno in Germania e questa attribuzione di follia con cui si crede di minimizzare il fanatismo di certi islamici comincia ad essere poco credibile; poi leggo che ci sono dei contagi tra quelli che parteciparono alle manifestazioni a Trieste mentre non c’è un solo caso tra quelli che parteciparono alla marcia elettorale del sabato precedente le votazioni…! E vogliamo mettere la marcia dei centomila a Glasgow contro le “decisioni non decise” del G26?  Gli unici a non aver capito che non è così facile privarsi dei combustibili fossili sono i seguaci di Grata (a proposito congratulazioni, con un po’ di invidia, per il primo milione di dollari guadagnato sulla pelle dei creduloni). E che dire dello scoop dell’Espresso di Damilano che ha trovato le prove della ricostituzione del Partito Fascista in Italia ignorando che i veri fascisti sono quelli che tacciano di fascismo chiunque la pensi diversamente da loro che sono comunisti. Si viene poi a conoscenza della “guerra” tra lesbiche e trans il cui casus belli deriverebbe dalla  affermazione di una donna, sposata con un’altra donna, secondo la quale “femmine si nasce”: il che mi ricollega ad un’altra notiziola secondo la quale un giudice avrebbe anzi HA “ordinato” al Comune di Milano di registrare un neonato come figlio di due padri con ciò ratificando la pratica dell’utero in affitto “raccomandando” al neonato di evitare di usare la parola “mamma”. E, a proposito di donne, si registra la solita  abitudine degli islamici di Kabul di eliminare le donne che non obbediscono a certi … precetti. Sempre a proposito di donne per una volta un uomo invece di uccidere “lei” (perché o mia o di nessuno) ha ucciso “lui” senza sapere che, forse, ”lei” potrebbe incontrare un altro “lui”!!!.Chiudo questa carrellata di notizie della domenica con la visita  di Stato di Mattarella in Algeria che ha fatto eco alle parole del presidente Abdelmdjid   Tebbounee “Anche l’Africa faccia di più per i profughi” facendo, a sua volta l’ennesimo patetico quanto ipocrita ed inutile appello all’Europa perché dimostri di NON essere sovranista come in realtà è: accusare FdI e Lega di essere sovranisti quando TUTTI i Paesi europei si dimostrano tali, è la dimostrazione lampante di una UE che ha fallito (o forse no) quel compito di solidarietà che si era dato. E ripenso ancora all’esultanza del ministro Lamorgese dal sorriso trionfante dell’accordo di Malta sistematicamente disatteso. Ma la cosa non mi meraviglia considerando quello che ha combinato tra sbarchi, marce, raduni illegali ed assalti ! Se questo è un uomo no! Dovevo scrivere Se questa è una donna!

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: