I migranti e l’UE

Ennesima sceneggiata (dovrei scrivere SCEMEGGIATA)  del ministro dell’interno Luciana  Lamorgese, stavolta fintamente ed ipocritamente “assistita” dall’equivalente europeo, la signora Ylva Johansson che non si sa se abbia  sfoderato  il suo seducente sorriso o abbia mostrato i muscoli. Stavolta invece che a Malta atterrano a Tunisi e lo scopo è sempre quello “convincere il governo locale a velocizzare i rimpatri” magari prendendo esempio da ciò che la stessa nostra Lamorgese ha fatto nei mesi scorsi … nulla. Insomma siamo ad una ri-edizione  della farsa maltese quando con squilli di tromba e scenari di “trombature” si sono ritrovati a ri-prendere per i fondelli l’Italia i ministri dell’interno di Finlandia, Francia, Germania e Malta per un accordo strombazzato da una becera propaganda che vedeva la brava Lamorgese, sventolare l’accordo strappato sulla ricollocazione dei migranti su base volontaria. S’è visto come è andata a finire con i Paesi “buonisti” che hanno chiuso le frontiere esattamente come il cattivo Orban. Ed oggi riproponiamo a Tunisi la commedia dell’Arte tipica della Letteratura italiana, novello “carro di Tespi”, in cui non esisteva una trama se non nelle grandi linee e si improvvisava … ma senza il genio italico di una volta purtroppo affidato a gente incapace e preoccupata solo di apparire buona! La Tunisia, l’ho scritto mille volte, è il primo “porto sicuro” ma dalla Libia vengono in Italia perché sanno che lì li caccerebbero o non li farebbero sbarcare, qui li accolgono e poi ,,, “che si arrangino i  poveri cristi”. Mi si oppone che la Tunisia “non è un porto sicuro” ma allora dovrebbero spiegare perché, lasciando stare la pandemia che ha bloccato il mondo intero, in quel Paese sbarcano quattro milioni e mezzo di turisti l’anno: ed oggi la guardia costiera tunisina soccorre ben 100 migranti facendoli sbarcare a a Sfax a dimostrazione che tutto sommato si può andare in Tunisia!! Mi si oppone che non si possono fermare ma le conseguenze non le pagano le “autorità”, le pagano le persone normali perché non è possibile non vedere che le strade i supermercati, le chiese sono invase da questuanti, che ci sono delle “piazze dello spaccio” che dettano legge con protervia, che la prostituzione i furti, le rapine, le occupazioni abusive di case, le stesse carceri sono piene di immigrati. Ecco, le occupazioni abusive delle case: costituiscono la dimostrazione pratica di come gente come Leoluca Orlando che invita tutti a sbarcare a Palermo, non sia in grado di dare un alloggio, perché invitare la nave tedesca, ultima per ora, a sbarcare i finti naufraghi e veri clandestini a Palermo significa garantire alloggio, vitto, vestiario, cure sanitarie, istruzione e lavoro e non risulta che  il sindaco di Palermo abbia potuto provvedere ai suoi compaesani. Sentire la Johansson recitare, per l’ennesima volta, la formula magica che soddisfa la Lamorgese “l’Unione Europea non lascerà solo l’Italia” mi ha indignato anche perché è stata colta come una garanzia. Europa Vigliacca e Sovranista, altro che Orban, Lepen, Salvini e Meloni! Buffoni!

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: