A proposito di Recovery Fund

L’Italia ha avuto come difensori a Bruxelles nelle trattative con l’Unione Europea, un maggiordomo super gentile e servizievole, un cicisbeo ciarliero che lancia solo sassolini e un bronzetto dauno, servitore di due padroni. C’era poco da stare allegri.

Quelli che dovevano essere fulmini e saette si sono trasformate in mite accettazione di un contentino, in tre piccole carotine, date addirittura solo in prestito. Non bastano neppure per fare un brodino. Altro che rilanciare l’economia!

Il nuovo mantra è: ‘il vincolo esterno’ europeo oppure ‘ce lo chiede Bruxelles’. Come va vista la questione del rilancio dell’economia italiana per mezzo di tanti miliardi dati in prestito dalla Banca Centrale Europea? Come una grande fregatura. L’Italia si sta mettendo un cappio al collo ed ogni sua decisione sarà vincolata da gente come Christine Lagarde, née Lallouette e gli interessi dei banchieri  che rappresenta. Addio autonomia economica e, come conseguenza, politica. l’Italia nel 2021 è, de facto se non de iure, una colonia. L’attuale Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi è l’ex Presidente della BCE e vuole difendere ad ogni costo l’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea, all’atlantismo militare, la NATO. Draghi vuole difendere, soprattutto ad ogni costo l’euro, una moneta privata senza stato. I fondi messi a disposizione dell’Italia tramite i cosiddetti Recovery Funds ( I fondi della ripresa)  sono la pillola dorata per far ingoiare il rospo della perdita dell’autonomia economica e politica dell’Italia. Come andrà a finire? Male, anzi molto male. L’èlite politica ed economica italiana, con l’aiuto martellante e quotidiano dei mezzi d’informazione scritti e parlati, si auspica di essere liberata da chi l’ha ridotta in schiavitù. Il Regno Unito l’aveva capito ed ha preferito uscire dall’Unione Europea. Chi in Italia propone il recupero dell’autonomia politica ed economica e l’Italexit viene tacciato di populista, di pericoloso mestatore.

FS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: