La TRUFFA del MES

A Marzo ed Aprile ho scritto del MES e della sua natura concludendo che questa truffa aveva un tocco di originalità costituito dal fatto che altri fondi, come il Recovery Found, avrebbero tardato ad essere erogati al punto che il MES NON sarebbe stato PROPOSTO dall’UE ma addirittura RICHIESTO dall’Italia! Sono stato facile profeta perché nell’ansia di prostituirsi all’UE il pd ribadisce oggi a gran voce che non è più possibile aspettare oltre e che i 37 miliardi del MES servono subito. Non si trattava di “profezia” ma di conoscenza dell’animo perverso del PCI che non è morto e come un’idra continua a divorare se stessa e tutti coloro che ancora credono in un cambiamento. Gli eredi del PCI hanno lo stesso DNA, lo stesso spirito servile di essere a servizio di un padrone, ieri l’URSS ed oggi la sua forma aggiornata, una sorta di restyling, l’Unione Europea. Per gli estimatori del MES basterebbe andare a ritrovare l’intervista di D’Alema su MES  o vale ancora il “contrordine compagni”? Altra prova provata di questo sporco gioco sulla pelle degli italiani è quest’ultimo DPCM che in pratica ci dice che tutte le spese sostenute per le protezioni individuali e di gruppo dai vari esercizi commerciali, dagli uffici, da tutto il mondo produttivo, sono state e sono inutili  come se queste siano alla base della seconda ondata. E così, invece di pensare alla maggior fonte di contagio, gli assembramenti dei mezzi di trasporto urbano, invece di regolamentare e vigilare sulle movide di città, paesi e villaggi, ci dicono che tutto quanto fatto non andava bene, era sbagliato, naturalmente omettendo di indicare i colpevoli. Così mi chiedo che credibilità abbia un CTS o un ISS se, tra i provvedimenti presi, figura anche la chiusura dei ristoranti alle diciotto: posto che questi due centri abbiano fatto questa proposta (e non credo) una qualsiasi normale intelligenza avrebbe capito che sarebbe stato posto in essere un provvedimento demenziale oltre che inutile. E non voglio parlare delle scuole in cui tardi e non sempre si arriva a comprendere che gli orari di entrata e di uscita sono occasione di assembramenti. Così come accade che in molti paesi esiste un certo pendolarismo scolastico che potrebbe essere utilizzato nel senso che le classi potrebbero essere divise in pendolari e non in modo che al mattino entrino questi ed al pomeriggio i residenti; ma erano cose che si dovevano prevedere durante le “ferie  cerebrali” da parte delle varie Azzolina. Resta il fatto che l’Italia è in pieno caos e dire che anche negli altri Paesi il caos regna sovrano non mi consola. D’altra parte se in America o in Gran Bretagna la gestione della pandemia viene addebitata a Trump e Johnson, non si capisce perché in Italia o Spagna o Germania, con il centro sinistra, al potere la colpa sia … di altri!

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: