Ugl: “Inacettabile il ritardo della Baomarc.

Riceviamo dalla Ugl Metalmeccanici della Federazione di Chieti

Con una nota pervenuta alla nostra Segreteria territoriale, la Baomarc, azienda che ha rilevato
nei mesi scorsi con un piano di reindustrializzazione le sorti della ex Honeywell di Atessa, ha
comunicato che detto piano, ha subito un rallentamento di 6 mesi.
Il ritardo, secondo la Baomarc, è da attribuire alla situazione sanitaria di emergenza venutasi a creare per la pandemia del Coronavirus, causando tra l’altro un drastico calo del fatturato delle
vendite del settore auto.
Se da un lato, possiamo inevitabilmente comprendere che la situazione degli ultimi mesi ha causato molti problemi con ripercussioni sotto tutti gli aspetti, siano essi economici che sociali ad ogni
singola persona e alle aziende di tutti i comparti, da un altro lato dichiariamo inaccettabile che ai già tanti rinvii e tempi lunghissimi per il processo di reindustrializzazione, più volte rimarcate dalla UGL, si venga a dire che tale processo subirà un ulteriore rallentamento, poiché riteniamo che
l’interruzione (ci risulta dei colloqui che la Baomarc aveva iniziato ad eseguire con gli ex lavoratori della Honeywell, non trova alcuna giustificazione in quanto, l’azienda avrebbe potuto organizzarsi con gli stessi adoperando strumenti tecnologici avanzati che crediamo essere certi di loro possesso
(esempio VIDEOCHIAMATA…).
Un altro aspetto grave sta nel fatto che in tutti gli incontri tenutesi nelle varie sedi istituzionali, MISE e Regione Abruzzo, la UGL ha sempre rimarcato la necessità impellente di accelerare le tempistiche anche per il fatto del pericolo che ai lavoratori sarebbero scaduti i tempi per
l’erogazione dell’identità mensile di disoccupazione (NASPI) dove la UGL Territoriale si è adoperata con una petizione di raccolte firme affinché la suddetta indennità venisse prolungata di
ulteriori 12 mesi.
A tal riguardo, purtroppo i termini dell’erogazione è prossima alla scadenza e molti lavoratori non percepiranno più nessuna entrata economica!
La UGL, a detta del Segretario aggiunto della Federazione Provinciale Metalmeccanici di Chieti Giuseppe Saraceni e dal dirigente Giuseppe De Luca, non intende in alcun modo tollerare ulteriori rinvii, annunciando che ha inviato da subito richieste di incontri con la Regione Abruzzo e il MISE
e che, venendo a mancare i presupposti di informazione e fattibilità per il proseguo del piano in essere, si attiverà unitamente ad espletare ogni forma di contestazione e segnalazioni previsti in
termini di legge.
UGL METALMECCANICI
Federazione Provinciale CHIETI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: