Bentornata Silvia!» 4 milioni forse spesi male

«Bentornata in Italia, Silvia!». Con queste parole e questo scatto il premier Giuseppe Conte ha festeggiato il ritorno in Italia di Silvia Romano, la cooperante milanese rapita il 20 novembre 2018 mentre si trovata in Kenya come volontaria. Il Premier ha accolto la giovane al suo arrivo all’aeroporto di Ciampino, a Roma. Come interpretare l’avvenimento?  Conversione volontaria all’Islam e matrimonio. Riscatto pagato, pare, 4 milioni di euro. Ecco chi è e come va interpretata la ‘liberazione’ di Silvia Romano. Offro una chiave di lettura per capire la sua ‘prigionia’: ricordate chi è Patricia Hearst, la figlia del magnate dei mezzi d’informazione americano, e cosa le avvenne quando fu sequestrata anni or sono? L’una è l’altra sono l’espressione della sindrome della sequestrata che s’innamora del sequestratore. Nel presente caso, quello della Romano, e in quel caso, della Hearst, abbiamo a che fare con due cretine. Ma Il Premier Conte ed il ministro degli affari esteri Di Maio accolgono la Romano come una eroina. Sarà! Beata asinità!

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: