l’Arcivescovo Forte: dal 18 maggio riprendono le celebrazioni liturgiche.

L’ arcivescovo Bruno Forte ha disposto la riapertura delle celebrazioni liturgiche con il popolo dal 18 maggio.
La Messa Crismale – evento espressivo dell’unità della Chiesa diocesana intorno al Vescovo – non ha potuto essere celebrata il Giovedì Santo 9 aprile u.s. a causa della pandemia dovuta al CoViD-19. Se le condizioni lo consentiranno – e dunque con l’impegno di darne conferma subito dopo il 18 maggio, termine della cosiddetta Fase 2 di uscita dal confinamento – celebreremo la Messa Crismale in Cattedrale sabato 30 maggio p.v. alle ore 10,00, esclusivamente con la partecipazione dei presbiteri e dei diaconi, diocesani e religiosi, dei seminaristi diocesani e di una ristretta rappresentanza dell’USMI e della Consulta delle Aggregazioni Laicali.
Il numero limitato di partecipanti consentirà di rispettare il distanziamento fisico richiesto fra le persone. In quell’occasione verrà consegnata la programmazione per l’anno pastorale 2020-2021.
Cadono il pellegrinaggio mariano Pollutri-Casalbordino dell’ultimo sabato di maggio e l’incontro presbiterale del 9 giugno, mentre restano confermate le ordinazioni presbiterali del 25 giugno, con l’impegno di limitare al massimo la partecipazione dei fedeli.
Per la celebrazione delle cresime – rimandate a causa del confinamento – l’Arcivescovo concede a tutti i Parroci che lo chiederanno di celebrarle nella propria Parrocchia domenica 11 ottobre p.v., festa della Mater Populi. Offriamo a Dio i sacrifici che la pandemia ci sta chiedendo per il bene di tutti e di ciascuno, e in particolare preghiamo per chi è rimasto vittima di questo terribile virus.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: