Sindacati sanitari denunciano carenza dei Dispositivi di Protezione

Riceviamo e pubblichiamo la nota inviataci dai sindacati FSI/USAE, FIALS, NURSING UP e NURSIND.

《 Al Sig Prefetto di Chieti; al N.A.S. di Pescara; Al.Procuratore della Repubblica di Chieti

Le scriventi Organizzazione Sindacali ,   nell’intento di tutelare il personale sanitario che in questi giorni si trova costretto ad affrontare una situazione di elevatissimo stress psico-fisico, legata all’emergenza Coronavirus nei vari Nosocomi della Provincia di Chieti  alla luce di quanto previsto da:

-D.lgs 81/08 artt.17,18,74,75,76,77,78 – testo unico igiene e sicurezza lavoro

– Linee guida OMS 2014 – Infection prevention and control of epidemic-and pandemic- prone acute respiratory infections in health care

– Regolamento Europeo 425/2016 – DPI

– DL 23.2.2020 art.1 – contenimento della diffusione del COVID 19

– Linee guida OMS 27.2.2020 – DPI COVID-19

– DPCM 8.3.2020 e DPCM 9.3.2020 in materia di implemento delle suddette misure

– DPCM 11.3.2020 – ulteriori misure estese sul territorio nazionale –

tenuto inoltre conto di specifici studi su DPI e H1N1 e COVID-19

– American Medical Association 2009 – Surgical mask VS 95 respirator for preventing influenza among health care workers

– Xinghuan Wang MD Zhenyu pan MD et alii (2020) COVID 19 Association between 2019-NOCV

transmission and N95 respirator use

con la presente, intendono inoltrare formale diffida ad adempiere a fronte dell’insufficiente/inesistente fornitura di idonei Dispositivi di Protezione Individuale: camici, calzari, guanti, occhiali di protezione e in particolare, la grave carenza di specifiche mascherine con filtro FFP2 e FFP3   per il personale esposto con differenti modalità al rischio di contagio da COVID-19.

Le Scriventi rilevano, inoltre che tali DPI, anche laddove presenti, in quantità comunque gravemente insufficiente, sono gestiti dall’ Azienda in maniera distonica rispetto alla sopra elencata normativa, attraverso indicazioni non corrette al personale circa il loro utilizzo o in taluni contesti lavorativi dove la presenza di Pazienti a rischio COVID-19 ormai presenti in maniera significativa o addirittura persino in situazioni di accertata presenza di pazienti COVID, dove l’unico rimedio identificato e fornito risultano essere le normali mascherine chirurgiche assolutamente non Idonee rispetto alle indicazioni su riportate e  addirittura negati in servizi di radiodiagnostica, anch’essi a rischio droplet.

Risulta infatti alle Scriventi, che il personale che presta servizio presso i  Presidi Ospedalieri, Strutture Territoriali e Servizi di Emergenza Territoriale 118  dell’Azienda Asl Lanciano Vasto Chieti, operi in condizioni che non rispettano gli standard di sicurezza previsti, il tutto con la conseguente possibile messa a rischio della salute degli operatori stessi e degli utenti.

Stante l’attuale situazione pandemica, le condizioni di rischio delle lavoratrici e dei lavoratori sono EVIDENTEMENTE INACCETTABILI; tanto che il contagio di Operatori Sanitari, visto sinora solo nelle regioni del Nord, adesso sono in misura esponenziale presenti anche sulla nostra azienda, frutto delle scellerate indicazioni fornite dalla Direzione Strategica aziendale, in primis quella di non effettuare ( volutamente? ) Tamponi al personale sanitario neanche di fronte alle indicazioni ministeriali volte a circoscrivere il potenziale contagio, tanto che si è avuta una prima fase di svolta, solo dopo precedenti comunicazioni. 

Vi chiediamo pertanto di procedere immediatamente alla definitiva risoluzione dei problemi segnalati, al fine di produrre gli indispensabili presupposti di salvaguardia della salute dei singoli operatori e della collettività.

Nel segnalare come l’assenza di un urgentissimo riscontro risolutivo del problema, comporterebbe per le Scriventi l’obbligo di agire in ogni modo e in ogni sede ai fini di tutelare al tempo stesso gli operatori e la cittadinanza, si porgono distinti saluti.

Lanciano. 22/03/2020

I segretari Provinciali  FIALS  FSI – USAE Nursing up  NurSind      

 GIORDANO DI FIORE;                 RAFFAELLO VILLANI; PATRIZIA    BIANCHI; VINCENZO PACE.

          

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: