Il Consiglio di Stato boccia l’uso dell’inglese al Politecnico.

Il Consiglio di Stato boccia il solo uso dell’inglese nell’insegnamento universitario al Politecnico di Milano.

Sano buon senso quello fatto prevalere dal Consiglio di Stato.

In Italia la lingua ufficiale è l’italiano e tale deve essere la lingua usata nella formazione universitaria. Ciò NON esclude che si possa o debba conoscere anche una o altre lingue straniere, come l’inglese. I tecnici, i burocrati e soprattutto gli economisti ed i giornalisti hanno ridotto l’italiano ad un folkloristico dialetto, Chi NON rispetta la propria lingua madre NON si rispetta. I primi che devono dare l’esempio e dimostrare amore verso l’italiano sono i politici che ormai preferiscono usare all’estero, nel prendere la parola, un inglese stentato, quasi incomprensibile, con un forte accento . La poca considerazione che l’élite italiana ha della propria lingua è lo specchio deformante del proprio complesso d’inferiorità.
La sola eccezione? Papa Francesco che, pur essendo argentino, usa SEMPRE l’italiano come lingua di comunicazione anche nei suoi viaggi all’estero. Un esempio da imitare.

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: