11.000 Scienziati preoccupati per il clima

Il 5 novembre 2019 su Repubblica dava notizia dell’allarme che 11.000 scienziati lanciavano a proposito dei cambiamenti climatici: il titolo, allarmistico, era “Allarme di 11.000 scienziati: è emergenza climatica”. Curiosità vuole che si veda da cosa nasce questo numero: saranno tutti climatologi? Forse non ci sono 11.000 climatologi in tutto il mondo o, comunque climatologi che fanno ricerca. Andando più a fondo scopro che questi 11.000 “scienziati” sono persone che hanno aderito e approvato un BLOG chiamato “Alleanza degli Scienziati del Mondo” Questi i nome dei fondatori.

Franz Baumann, Ferdinando Boero, Doug Boucher, Stephen Briggs, Peter Carter, Rick Cavicchioli, Milton Cole, Eileen Crist, Dominick A. DellaSala, Paul Ehrlich, Iñaki Garcia-De-Cortazar, Daniel Gilfillan, Alison Green, Tom Green, Jillian Gregg, Paul Grogan, John Guillebaud, John Harte, Nick Houtman, Charles Kennel, Christopher Martius, Frederico Mestre, Jennie Miller, David Pengelley, Chris Rapley, Klaus Rohde, Phil Sollins, Sabrina Speich, David Victor, Henrik Wahren, and Roger Worthington. Andando a verificare le loro competenze mi accorgo che qualcosa non torna:Gli scienziati hanno altre competenze:

Franz Baumann Scienze sociali, Ferdinando Boero Biologo, Doug Boucher Esperto di Foreste Tropicali, Stephen Briggs Astronomo, Peter Carter Medico di famiglia, Rick Cavicchioli Microbiologo, Milton Cole Fisico teorico delle adesioni molecolari, Eileen Crist Sociologa, Dominick A. DellaSala Biologo, Paul Ehrlich medico, Iñaki Garcia-De-Cortazar agronomo, Daniel Gilfillan Studioso delle religioni e dei conflitti, Alison Green manager gestione personale, Tom Green economia ecologica, Jillian Gregg agronoma

Paul Grogan Ingegnere delle infrastrutture, John Guillebaud medico, John Harte ecologia, Nick Houtman medico, Charles Kennel astrofisico, Christopher Martius ricerche forestali, Frederico Mestre ecologia, Jennie Miller attivista biodiversità, David Pengelley matematico, Chris Rapley fisico e ricercatore sull’Antartide, Klaus Rohde biologo, Phil Sollins forestale, Sabrina Speich oceanografa, David Victor Dr in Scienze politiche, Henrik Wahren forestale., Roger Worthington Etica del cambiamento climatico

Questo Blog, in pratica chiede a chi la pensa come loro, di aderire: ma “chi la pensa come loro” possono essere tutti, certo anche scienziati ma, altrettanto certamente  scienziati che con il clima nulla hanno a che fare, quindi anche il ragioniere di uno studio commerciale, lo studente di una terza liceo, il professore di scienze di una scuola. Questa mia ricerca, ovviamente su internet, non esaurisce l’indagine sugli 11.000 scienziati ma, per fortuna, c’è stato chi l’ha fatta e i risultati sono questi: i climatologi sono 5, ripeto cinque! Fra questi c’è Luca Mercalli che si dichiara climatologo ma ha studiato Agraria e poi ha conseguito un master in Geografia in Francia! Per non tirarla troppo per le lunghe, la ricerca ha evidenziato la presenza di 180 personaggi che, in un modo o nell’altro, hanno a che fare con il clima. Tra i “climatologi” italiani troviamo Michele Carlucci, prof di Diritto Costituzionale e Claudia Wieners, dottore in Economia, Una indagine a campione individua biologi, astronomi, ornitologi, ecologi, economisti, psicologi, ortottisti, idrologi, filosofi, ecc. Tra gli italiani l’unico che può dire la sua è un geologo. La risultante di questa indagine mostra che sono pochissimi meteorologi, climatologi e scienziati dell’atmosfera: ancor meno i geologi e francamente questa non competenza non autorizza Repubblica a parlare di oltre 11.000 scienziati allarmati. Intanto perché non tutti sono scienziati poi perché tra questi non vi sono le competenze necessarie. In conclusione, siamo al tentativo malriuscito di truffare con una ecoballa i cittadini del mondo.

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: