“Scarpe rosse in strada”. Opera dell’artista Gianfranco Bevilacqua

Nella giornata di oggi, 25 novembre 2019, le “scarpe rosse” sono state ancora una volta, e ovunque nel mondo, il simbolo della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Il rosso intende indicare visivamente il sangue versato dalle donne vittime di violenza, non soltanto “di genere”, ma altresì di mala-educazione sociale, di valori umani progressivamente in via di sfacelo anche nelle nazioni relativamente civili.
Il simbolo nasce da una idea dell’artista messicana Elina Chauvet che, attraverso le scarpe rosse, ha voluto in qualche modo dare un impatto allusivo, oltre che immaginifico, a una violenza che spesso è un martirio quotidiano e domestico, spesso incontrollabile e per varie seppur non accettabili ragioni incontrastato, non meno terribile del vero e proprio o soltanto finale “femminicidio”.

A corredo di questo nostra piccola riflessione, qui pubblichiamo un’opera d’arte, in terracotta patinata, dello scultore vastese-siracusano Gianfranco Bevilacqua.
Esposta dall’artista lo scorso anno a Vasto, alla Sala Colonna, poi donata dall’amico a una Casa delle donne della città di Siracusa.


Eccola, all’attenzione dei nostri lettori, come nei social, con meritato plauso e ammirazione, per la significativa e ben strutturata immagine plastica, nei suo peculiari tratti stilistici che diremmo ‘compendiari’, per la non casuale e generosa donazione, non meno.
In assoluta condivisione di sentimenti e di intenti. gfp

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: