Progresso e Natura nel 21° secolo.

La difesa dell’integrità degli ecosistemi presenti su un territorio trascende e va oltre le ideologie tradizionali, frutto del concetto di progresso e della industrializzazione del 19° e 20° secoli.

La difesa dell’ambiente è l’espressione della chiaroveggenza che l’unico modo di amare la Terra dove siamo nati e che ci fa vivere è di rispettarne le leggi, non aggredirla e depredarla.

In caso contrario la natura, da madre, si trasforma in matrigna e ci elimina, restando indifferente al nostro soffrire umano.

La visione corrente di progresso, sinonimo di profitto immediato ed irresponsabile, è il vero nemico al giorno d’oggi sul pianeta Terra.

Nessuna opposizione cieca verso il progresso, ma opposizione verso il progresso cieco, ecco una formula che potrebbe fungere da atteggiamento di base dell’essere umano all’inizio del ventunesimo secolo.

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: