Il male oscuro (?) della Vastese Calcio

Alla vigilia della partita di domani questa mia modesta riflessione, originata da un incontro con un gruppo di tifosi, che spero venga interpretata come un contributo a fin di bene per il rilancio della Vastese.  Peppino Tagliente

“Se neppure con un mister​ di indiscusso prestigio​ come Marco Amelia, ex portiere di Milan, Palermo e Livorno, campione del mondo con la Nazionale italiana nel 2006,la Vastese riesce a decollare vuol dire che ha qualcosa che non va al suo interno. Un male oscuro che va al di là della semplice sfortuna, della congiunzione avversa degli astri, del malocchio, del “destino cinico e baro”. Un malessere profondo che va curato con una terapia appropriata, giusta, frutto di una diagnosi lucida, non superficiale e soprattutto non emotiva, com’è avvenuto nella passata stagione e nella precedente, quando s’è pensato che occorresse rimuovere l’allenatore per restituire buona salute alla squadra. I fatti hanno dimostrato che così non è stato. Il male oscuro permane e non é colpa di Marco Amelia o dello staff tecnico se anche il campionato di quest’anno vede la Vastese non ai primi posti della classifica – tanto per usare un eufemismo – con l’aggravante delle umiliazioni subite in casa all’Aragona. Così come non é colpa nemmeno della squadra, che ha dimostrato in più occasioni di avere talenti ed energie al pari delle altre compagini del Girone, nè della Società che ha nel suo seno persone serie ed affidabili.​ Il male oscuro, che non sta a noi tuttavia diagnosticare, potrebbe forse risiedere nell’assenza di dialogo tra queste componenti (Staff tenico, Squadra, Società); nella mancanza di rispetto​ dei ruoli e in primo luogo del ruolo dell’allenatore, specialmente quando questi é un personaggio stimato ed autorevole come Amelia; nell improvvisazione e nella leggerezza di talune scelte spesso dettate da impulsi di carattere personalistico; nel cedimento alle pressioni stravaganti di cattivi consiglieri. Il male oscuro potrebbe essere tutto questo”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: