Un giudizio su Draghi alla Banca Centrale Europea

Come giudicare l’operato di Mario Draghi dopo otto anni come Presidente della Banca Centrale Europea?

Mi piacerebbe tanto se a giudicare l’operato di Mario Draghi come Presidente della Banca Centrale Europea potesse essere il suo maestro di economia all’università di Roma Federico Caffé, non Merkel e Macron ed un Presidente Mattarella completamente asservito alla logica della nomenklatura economica apolide dominante.

Il giudizio di Caffé sarebbe molto più critico, ne sono certo.

Italiani, con l’arrivo di Christine Lagarde,una vera arpia spietata, la logica di fondo della BCE ci verrà imposta e saranno lacrime e sangue.

L’euro? Una camicia di forza da eliminare se l’Italia vuole cessare di essere colonia.

L’UE? Così com’è, una burocrazia elefantiaca ed un gigante economico dai piedi d’argilla, succube degli interessi degli USA.

Facciamo dell’Europa una confederazione di stati sovrani con regole tutte da riscrivere, altrimenti non ha ragione di esistere. Mario Draghi ha fatto valere la logica dell’economia su quella della politica.

Facciamo in modo che in avvenire la politica dei vari paesi e della Confederazione Europea faccia valere la politica sulla economia.

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: