Torna la ” questione mediterranea “.

Stiamo assistendo al crollo di un paradigma di legittimità politica ed economica dopo oltre 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale.
Questo è il vero significato della caduta delle ideologie.
In un mondo multi-polare gli USA difendono la loro supremazia, la Cina il suo ruolo di potenza egemone emergente, la Russia tenta di rilanciare il suo ruolo politico usando l’abbondanza di materie prime e l’Europa occidentale, un gigante economico, svolge un ruolo da lillipuziano. Si accontenta di una visione burocratica e germano-centrica, di implicita e sostanziale sottomissione.
La pressione e belligeranza del fondamentalismo islamico ed il flusso migratorio dal Medio Oriente e dall’Africa sub-sahariana stanno obbligando l’Europa a svolgere un ruolo nuovo, di frontiera. La crisi economica greca prima e la tratta dei nuovi schiavi dell’Africa nera sono il coagulo del passaggio da un paradigma ad un altro.
L’Europa continentale e settentrionale rifiuta di riconoscere che il vero ruolo, da protagonista a livello di politica internazionale, è di fare i conti con la ‘ questione mediterranea’.

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: