Lega Vasto. Mozione sul caso Sea-Watch

Dai consiglieri della Lega, Davide D’Alessandro e Alessandra Cappa riceviamo e pubblichiamo la seguente nota.

《In qualità di Consiglieri comunali della Lega abbiamo protocollato una Mozione su caso Sea-Watch. Da italiani, non da antiitaliani, riteniamo che il comportamento adottato dal nostro Governo sia stato ineccepibile e degno di lode. Tanti sono i cittadini vastesi che ci hanno spronati a portare la riflessione in Consiglio poiché, a fronte di un attacco così sfacciato al nostro Paese e alla nostra sovranità, nessuno può sottrarsi ad esprimere un giudizio. Lo chiediamo a tutto il Consiglio perché essere italiani non è una moda. Ci sono momenti in cui l’orgoglio nazionale deve imporsi a difesa della nostra storia e dei nostri valori. Grazie al nostro Governo, grazie al Ministro Salvini, grazie a chi ha la forza di assumersi le responsabilità con fermezza e nel rispetto della Legge. Oggi essere italiani è ancora più bello.

IL TESTO DEL DOCUMENTO PRESENTATO

I sottoscritti Consiglieri comunali,

  • Preso atto che negli ultimi giorni l’Italia ha vissuto sulla propria pelle e sulla pelle di poveri esseri umani, utilizzati per sporchi affari, il caso della Sea-Watch, la nave di una Ong tedesca battente bandiera olandese che, in spregio della Legge, ha deciso di andare contro il blocco navale del Ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini e di entrare in acque territoriali italiane senza alcun permesso ufficiale;
  • Richiamata la giusta e ferma dichiarazione del Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte: “Il comportamento della capitana tedesca è stato di inaudita gravità”; nonché quella del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli : “Porti chiusi per chi viola la Legge”;
  • Rimarcato il comportamento irreprensibile e lodevole del Governo italiano a difesa del nostro territorio e della nostra sovranità;
  • Considerato che il fenomeno della “vera” immigrazione è questione altamente complessa e delicata da affrontare e risolvere con il concorso e la fattiva disponibilità di tutti i Paesi della UE;
  • Ritenuto che a nessuno può essere consentito di offendere il nostro Paese e di ritenerlo una sorta di colabrodo dov’è possibile mettere in atto estemporanee scorribande per forzare ciò che non è lecito forzare;

IMPEGNANO

Sindaco e Giunta

A trasmettere al Governo nazionale il sostegno, il plauso e l’apprezzamento del Comune della Città del Vasto, riconoscendo allo stesso di aver operato con fermezza, nel rispetto della Legge, a tutela del nostro territorio e della nostra sovranità e di aver risvegliato nei cuori di tutti i cittadini vastesi, al di là di ogni e qualsivoglia appartenenza politica, l’orgoglio nazionale, l’orgoglio di essere parte di una comunità che da Lampedusa all’ultimo lembo di terra del Nord non è terra di conquista ma, da sempre, terra di accoglienza e di ospitalità per chi ha le carte in regola e nel rispetto totale di chi su questa terra è nato, vive ed opera》.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: