“Fine della austerità in Grecia”

Con una faccia tosta che supera la ferocia dei nazisti, diversi giornali italiani hanno annunciato la fine delle sanzioni nei confronti della Grecia perché questa si è allineata ed “ha fatto i compiti”. Sia pure indirettamente lo stesso Juncker ha smentito i toni trionfalistici dei giornali di regime ammettendo che con la Grecia “avevano  sbagliato” pretendendo troppo: ma ormai il danno era stato fatto. Non solo tedeschi e francesi si sono rifatti ampiamente delle perdite subite nei loro investimenti nelle banche greche annettendosi, di fatto, parte del territorio, ma i danni sono stati e sono ancora più gravi.

Su Money del 20 novembre 2018, a cura di Cristiana Gagliarducci che ha consultato un report rimasto “opportunamente”, nascosto vengono elencate le tragiche conseguenze, dirette ed indirette, dell’austerità a cominciare dalla Sanità e dalla povertà dilagante. Per eliminare ogni dubbio la fonte è Dunja Mijatović, Commissaria per i diritti umani del Consiglio d’Europa. la quale senza mezzi termini dichiara che “l’austerità in Grecia si è tradotta in una violazione dei diritti umani” smentendo clamorosamente Pierre Moscovici che lodava le misure imposte ad Atene. Tra l’altro un servizio delle Iene lo dimostra ampiamente. La sintesi del report della Mijatović è impietosa “È davvero difficile dire che oggi va tutto bene. Le persone stanno ancora soffrendo”. Sempre dal report della Gagliarducci “I servizi sanitari relativi a maternità e neonati sono stati tagliati del 73% dal 2009 al 2012, mentre quelli a favore della salute mentale sono stati dimezzati tra il 2011 e il 2012. I suicidi sono aumentati del 40% tra il 2010 e il 2015, mentre circa 3.000 pazienti sono già morti per infezioni derivanti dalle cattive condizioni sanitarie degli ospedali; per non parlare poi dei picchi registrati nei tassi di HIV e di tubercolosi tra i consumatori di droghe”.

Altra emergenza è quella relativa a istruzione e disoccupazione. “I tagli al bilancio hanno gravemente colpito il personale docente che è stato significativamente ridotto, così come la retribuzione degli insegnanti che hanno però visto aumentare il loro orario di lavoro”. Nonostante sia sceso al 19%, il tasso di disoccupazione generale rimane il più elevato d’Europa, seguito soltanto da quello spagnolo e ancora da quello italiano. Quello giovanile, invece, è ancora al 37,9%.

Torniamo al servizio de Le Iene di circa un anno fa: in quell’occasione la Iena Marco Maisano aveva visitato una delle tante “farmacie sociali” del territorio, fornitrice di medicinali gratuiti ai cittadini date le carenze statali. “Siamo come morti che camminano”, aveva affermato allora un cliente, pensionato da 360 euro al mese. E, tanto per evidenziare il tasso di umanità e solidarietà delle multinazionali del farmaco e degli Stati in cui operano, non sono stati forniti neanche i medicinali antitumorali per paura di non essere pagate: solo durante il 2016 il 60% dei bambini non è stato vaccinato. Niente medicine ai malati terminali (sempre per lo stesso motivo),  suicidi in aumento (dal 2008 al 2017 40.000).

I dati dello scorso anno, meno aggiornati rispetto a quelli del Consiglio d’Europa, hanno parlato di circa 40.000 suicidi dal 2008 in poi. Situazione demografica: più morti che nascite dallo scoppio della crisi in Grecia dato che la mortalità infantile nel Paese è salita dal 2,65% del 2008 al 4% nel 2014, al 5% nel 2017 (Italia, Francia, Spagna e Germania al 2,9 – 3,0 %). Aumentati anche i malati di AIDS ed epatite C, oltre che il già citato tasso di suicidi (+35,7%). Non credo di poter essere tacciato di antieuropeismo alla luce di quanto sopra che non è frutto di avversari ma, a parte quel tizio che non si sa se definirlo buffone o peggio, MoscoWC, il report è a disposizione di tutti e la soddisfazione del suddetto è evidentemente legata al fatto che gli interessi francesi in Grecia sono ormai salvi: dei greci non sanno più che farsene. Stesso destino per l’Italia che dovrebbe sottostare alle stesse vessazioni che pure in Commissione UE hanno ritenuto inefficaci. Il resto è pura e semplice propaganda dei venduti allo straniero.

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: