“Guernica” di Sofia Gandarias a Palazzo D’Avalos

Dal 2 giugno al 10 luglio in esposizione “Guernica” di Sofia Gandarias a Palazzo d’Avalos. L’appuntamento abruzzese organizzato da Comune di Vasto e Fondazione Immagine

“Una straordinaria occasione espositiva e un progetto culturale di grande forza emotiva”: così l’arch. Monica Baldi, curatrice dell’esposizione, ha definito la mostra GERNIKA ( Guernica in lingua spagnola) di Sofia Gandarias, che si inaugurerà domenica 2 giugno a Vasto nella splendida cornice di Palazzo d’Avalos.

Guernica ( Gernika-Lumo) è la città basca che ha il triste primato di aver subito prima al mondo un bombardamento aereo a tappeto, il 26 aprile 1937 durante la guerra civile spagnola. Un attacco deciso a freddo, con migliaia di vittime innocenti, solo per testare l’efficacia di una allucinante strategia militare. Un evento che commosse Picasso e ne ispirò, in quello stesso 1937, una delle opere più famose. Per Sofia Gandarias, che a Guernica era nata nel 1951, quei lontani eventi sono un ferita dell’anima, una emozione intensa e penetrante che l’artista, prematuramente scomparsa nel 2016, ha voluto affidare alle grandi opere che dal 2 giugno al 19 luglio saranno in esposizione nelle prestigiose sale del Quarto della Marchesa di Palazzo d’Avalos.

All’inaugurazione, in programma domenica 2 alle 11:30, sarà presente Enrique Barόn Crespo, già presidente del Parlamento Europeo dal 1989 al 1992, l’uomo politico spagnolo che nel 1987 aveva sposato Sofia Gandarias. Nozze, per inciso, celebrate a Venezia, a testimonianza di un affetto per l’Italia mai venuto meno.

Lo dimostra anche questa mostra itinerante che, dopo i passaggi spagnoli, è approdata in Italia. Già a Firenze, Roma e Fermo. Ora a Vasto, unica tappa abruzzese, e quindi ad Assisi. A testimoniare il grido di dolore delle vittime della guerra e a lanciare forte un messaggio di fratellanza e di opposizione alla violenza. Non a caso le opere appartengono al Museo della Pace di Gernika.

La mostra abruzzese, oltre che dal Comune di Vasto, è organizzata infatti dalla Fondazione Immagine, l’ente presieduto da Luciano Di Tizio che cura la conservazione e la valorizzazione delle donazioni di Paglione in Abruzzo, ovviamente con la fondamentale partecipazione di chi l’esposizione l’ha realizzata: la curatrice Monica Baldi e gli spagnoli di Legado Gandarias e della Fundaciòn Yehudi Menuhin, che saranno tutti presenti al vernissage.

Sofia Gandarias è stata un personaggio di assoluto rilievo nell’arte contemporanea con opere e mostre che hanno lasciato il segno e con una costante attenzione verso i valori della tolleranza e della pace. Testimone del suo tempo ha anche consegnato alla storia dell’arte una serie di ritratti di protagonisti della cultura che ha avuto modo di incrociare: il virtuoso del violino Yehudi Menuhin (“l’uomo più saggio che abbia mai incontrato”), con la cui Fondazione ha subito iniziato a collaborare, e poi ancora Primo Levi, Nureyev, Rita Levi-Montalcini, Aligi Sassu e la moglie Helenita Olivares, Carlo Rubbia, Yves Montand, Pablo Neruda, Rafael Alberti e Papa Francesco, per citarne solo alcuni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: