Arriva la lettera dell’UE. Rinviare al mittente

Conti pubblici in Italia: arriva la lettera di avvertimento dell’UE.
La lettera dell’UE sui conti pubblici italiani? Da rinviare al mittente senza commenti, dicendo semplicemente: – Indirizzo sbagliato – Se c’è una persona indegna di dare lezioni di trasparenza all’Italia è J.-C. Juncker che, dopo il risultato elettorale del 26 maggio 2019 c’è ancora per un po’, ma chissà dov’è con la testa.
L’UE è diventata una elefantiaca burocrazia dominata da speculatori e banchieri. Il sogno dell’Europa dei popoli di Mazzini e di Spinelli è scomparso. L’Italia ha il diritto/ dovere di volerla cambiare profondamente. Non saranno la Merkel, Macron e Sanchez che lo faranno, né i loro commissari, soprattutto Moscovici, il cagnolino tenuto al guinzaglio da Macron, sonoramente sconfitto. E lo stesso è vero per la Merkel. Con quale autorità possono quindi far valere la loro visione dell’Europa? Se lo tengano ben detto a Bruxelles. Senza l’Italia l’UE NON ha ragione di esistere.

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: