Rocca di Mezzo. Il profumo dei narcisi invade il paese

Rocca di Mezzo (AQ): Il profumo inebriante dei narcisi invade il paese il prossimo 2 giugno

Di solito, per questo ormai tradizionale appuntamento, che si svolge a Rocca di Mezzo, l’ultima domenica di maggio, si scrive dicendo: “Correva l’anno 1947…” a mo’ di favola. Io invece vorrei iniziare parlando dello sforzo che ha dovuto compiere il nuovo direttivo della Pro Loco di Rocca di Mezzo. Sandro Argentieri, che io chiamo “ottico del mio cuore”, per essere colui che mi fornisce tutti gli occhiali che io ho il piacere di indossare, ha riunito un gruppo di giovani che hanno voluto fortemente che questa tradizione non si interrompesse dopo oltre settant’anni dalla prima. Certamente oggi i carri, tutti ricoperti di narcisi, non sono più gli stessi del 1947 quando erano trainati da buoi e costituiti da rimorchi allargati con assi di legno e tavole, ricoperti di erba e muschio, decorati con ramoscelli di salici e migliaia di narcisi. Pur con lo sviluppo di ingegnosi meccanismi che hanno permesso che la costruzione si affinasse, i valori di questa manifestazione non sono cambiati rispetto al passato, però. La comunità rocchigiana si è stretta intorno ai suoi ragazzi quando, fino a pochi mesi fa, si pensava che la continuazione della famosa festa fosse a rischio. C’era la concomitanza con le elezioni comunali del 26 maggio, il rinnovo del Consiglio Direttivo della Pro Loco ma niente li ha bloccati. Del resto la manifestazione era stata ideata da giovani che, alla fine della guerra, e precisamente nel 1947, avevano inteso portare un po’ di allegria e ritrovare quello spirito di comunanza che purtroppo i tragici eventi bellici avevano fatto passare in secondo ordine.

E vi mostro oggi cosa nasce dall’inventiva e dalla capacità di persone motivate dall’amore per il proprio territorio che, seppur con tante difficoltà portano nel cuore e che mai abbandonerebbero. Ogni paese del circondario partecipa con il proprio carro e lotta per la conquista del primo posto, allestendo scenografia, costumi e canti che propongono davanti ad una giuria che prende posto in una tribunetta allestita per l’occasione, in piazza. A dire il vero io amo quello che succede la sera prima della sfilata. Si va in giro fino a notte fonda per spiare cosa stiano realizzando i vari gruppi ed inserire i narcisi nei buchetti delle reti che compongono la struttura del carro, come a voler dire:” Io c’ero”, magari mentre si incontrano parenti ed amici che non vedevi dall’estate passata e con i quali consumi cioccolato caldo, vin brulè o punch, visto le temperature che caratterizzano un paese di montagna. Infine vi voglio parlare del logo che dal 2015 caratterizza la festa del narciso. Ho intervistato una componente della Pro Loco, Federica Benedetti, alla quale ho chiesto cosa rappresenti l’immagine su riportata. Lei mi ha risposto che nasce dall’idea del ” Comitato Promotore Narciso” di trovare un’identità non tanto alla festa stessa ma a chi vi partecipa, ai gruppi o meglio compagnie che si riuniscono per creare capolavori che vediamo sfilare da 73 anni. L’unione -continua- è il motore di questa kermesse, la benzina che spinge organizzatori, carristi, volontari, amici a riunirsi e passare giorni interi in un tendone, insieme, per rendere possibile tutto questo. Un colore ed uno spazio per ogni compagnia, il narciso al centro a riunirle tutte, l’appartenenza al territorio per motivarci e ricordarci che “INSIEME SIGNIFICA NON SENTIRSI MAI SOLI”. Faccio il mio in bocca al lupo a Federica ed a tutti quelli che sono impegnati a far in modo che anche questa settantatreesima edizione abbia il successo di tutti gli anni passati e, nel frattempo, invito tutti a recarsi a Rocca di Mezzo per una piacevole giornata all’aria aperta magari portando con sé, e questo solo per coloro che soffrono di allergia, uno spray nasale: vi assicuro che l’odore è veramente fortissimo ma vale la pena essere lì per poter raccogliere magari un mazzetto di fiori da portare alla fidanzata, alla mamma o alla nonna. In bocca al lupo ragazzi!

Anna Maria Orsini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: