“Vendetta”, il romanzo verità di Richard Gambino

Il linciaggio dei pescatori siciliani a New Orleans nel libro Vendetta di Richard Gambino .

Il libro di R. Gambino ricrea le condizioni del darwinismo sociale imperante in America del Nord. Gli italiani, e soprattutto i siciliani (come gli 11 pescatori linciati a New Orleans), venivano visti come una categoria diversa dai bianchi, erano visti come ‘olives e dagoes’, mezzo negri, e venivano trattati come tali. Questo atteggiamento ha avuto il suo apice nel caso degli anarchici Bartolomeo Vanzetti, piemontese, e Nicola Sacco, pugliese, nello stato del Nord Est, nel Massachusetts. Furono accusati per atti di violenza non commessi e condannati, per astio verso gli italiani, alla sedia elettrica. Una figura eroica del sindacalismo americano è quella del molisano Arturo Giovannitti, (anche grande poeta) che si difese da solo a Salem e fu per fortuna assolto dall’accusa di omicidio commesso da guardie private. Quanti italiani ( non gli storici specialistici) conoscono la storia della epopea del proletariato che è stata negli ultimi 150 anni l’emigrazione italiana nel mondo? Gli oriundi di origine italiana sono stimati oggigiorno a circa 80 milioni. Ma nei libri di storia NON se ne parla. E parliamo del razzismo esiste in Italia subito dopo l’unificazione. Per quanto riguarda l’atteggiamento dei piemontesi verso i sudditi del Regno delle Due Sicilie, va ricordato il disprezzo e la strage commessa dal generale Cialdini verso i ‘briganti’ nel Sannio, in provincia di Benevento, a Pontelandolfo. Anche questo eccidio NON si insegna nei libri di storia in Italia

Filippo Salvatore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: