Gocce di saggezza ad inizio d’anno

1.Il libro dal quale s’impara per tutta la vita è il mondo con i suoi garbugli, i suoi guai e le effimere illusioni di felicità.

2. Domanda alle donne che affittano il ventre per la maternità sostitutiva: la maternità è un semplice noleggio d’utero?

3.Ha grande coraggio chi non ha paura di rivelare i propri sentimenti al momento opportuno ed alla persona giusta.

4.La chiaroveggenza del saggio consiste nel saper stabilire equazioni tra la breve durata della vita umana e la lunghezza grandiosa dei tempi cosmici. ‘È molto probabile che nell’universo esistano miliardi e miliardi di pianeti, miliardi e miliardi di esseri viventi e civiltà, ma non riusciremo mai a entrare in contatto con loro perché le distanze sono enormi e non siamo in grado di viaggiare più veloci della luce’. ( Margherita Hack, astrofisica, ottobre 2012

5.Parca mensa con eletti amici… basta una fetta di pane, un pomodoro, un filo d’olio ed un bicchiere di vino per partecipare ad un festino.

6.L’essere umano è particella riciclata di polvere di stelle. Tale è stata la sua origine e tale sarà la sua fine dopo una breve parentesi di coscienza, la sua vita.

7.L’ anno nuovo? Un segno convenzionale tramite il quale l’essere umano scandisce cronologicamente il prima e il poi della propria esistenza rispetto al fluire atemporale di massa, forza e distanza di cui si compone l’universo.

8. La musica è il risultato della scoperta fortuita dell’essere umano di poter riprodurre i rumori onomatopeici delle forze della natura. E’ nata dalla capacità di dare ritmo e stabilire rapporti armonici tra la coscienza umana e la logica che lega gli atomi tra loro. E’ stata una scoperta fondamentale perché costituisce il legame più sublime tra la creatività umana e le leggi fisiche universali ed eterne che regolano il cosmo.

9.Sempre labile all’umano che ha vista di lince è stata e resta la differenza tra realtà e finzione, tra saggezza e pazzia in quella che è chiamata vita, Cervantes e Pirandello ci insegnano.

10.Le trepidazioni provate durante l’oscurità della notte si placano nella certezza che arriverà l’alba. È l’ attesa della luce che dà senso alla vita.

11.Imparare a controllare le nascite è il più sublime gesto d’amore per la vita che un umano possa compiere.

12.La forza interiore di una persona viene messa alla prova e si manifesta nei momenti di conflitto. I nostri nemici ci forniscono, paradossalmente, l’occasione per trasformare l’avversità in migliore conoscenza di sé ed in occasione di crescita.

13.L’ignoranza e la mancanza di curiosità sono i due dolci cuscini del mediocre e del conformista che riduce tutto al proprio utile immediato.

14.Con chi è stato condannato da Madre Natura a soffrire di LOBOTOMITE INIBITORIA (in altre parole con chi è poco intelligente) non c’è niente da fare. Rimane cretino per tutta la vita.

15.La saggezza di un essere umano si sprigiona nei sogni della gioventù, si affievolisce durante l’età matura quando il bisogno di affermarsi lo obbliga a fare vili compromessi e riaffiora, prepotente, e si afferma nella vecchiaia quando la difesa dei valori, entità astratta, ha come fondamento la concretezza della esperienza della vita.

16. Il patriottismo, un sano amore del proprio paese, è un sentimento nobile se non scade nel nazionalismo ottuso. Tuttavia è la cultura, nelle sue diverse manifestazioni, dalla più semplice alla più eccelsa, che conta più della politica, e persino dell’economia, perché costituisce la colla spirituale di un Paese, lo rende unito e grande e conferisce identità e senso d’appartenenza ai suoi cittadini. E’ l’antidoto, oggi tanto necessario, all’indistinto globalismo ed al consumismo

Filippo Salvatore