Mattarella all’Aquila per la riapertura delle “Anime Sante’

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella al Duomo dell’Aquila durante la cerimonia di riconsegna della Chiesa 

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha partecipato all’Aquila, a quasi 10 anni dal terremoto, alla riapertura di una chiesa simbolo della città, Santa Maria del Suffragio, detta delle Anime Sante, la cui cupola crollo’ in diretta tv nel 2009. Ad accogliere Mattarella una piazza piena con circa mille bambini, alcuni nati nel 2009. La chiesa è stata ristrutturata con un finanziamento congiunto dei governi francese e italiano.

Il lavoro più imponente ha riguardato la cupola completamente crollata per il sisma. Cupola che mantiene quella che i restauratori chiamano ‘la cicatrice’ è stato spiegato, che ricorda ciò che è successo. Dopo l’inno francese e italiano, Mattarella si è soffermato nella cappella della memoria dinanzi alla pietra dove sono incisi i nomi delle vittime del sisma e poi ha sfogliato il libro che contiene le foto delle vittime. All’apertura del portone della Chiesa i mille bambini hanno lanciato in aria i palloncini nero verdi, colori della città e simbolo di ricordo e di speranza.

“Il terremoto ha fatto scempio di vita e di memoria, ci ha insegnato la precarietà, ha messo a dura prova il tessuto economico ma, oggi, al centro, una vitalità inaspettata. I bambini qui non sono più figli del terremoto ma rappresentano la speranza”. Così il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, con commozione, nel suo discorso davanti al presidente della Repubblica.