Arrestato il capo dei capi della Mafia.Considerazioni.

Arrestato il ‘capo dei capi’ e decapitata la Mafia. Lo Stato (c’era?) quando è venuto a patti con la Mafia?

Analizziamo questa immagine: un vecchio di 80 anni – e se li porta bene! –  dallo sguardo simpatico, vestito da buon borghese. Potrebbe essere un insospettabile nostro vicino di casa.

Anni luce dal cliché del mafioso del Padrino. E’ la banalità (apparente) del male che lo rende tanto insidioso e pericoloso. Mettiamo una cravatta ed una giacca al ‘capo dei capi’ e potrebbe benissimo essere un deputato o un senatore seduto sul suo scranno.

Questa è la MAFIA di oggi, il MALE organizzato e onnipresente che si nasconde sotto un’immagine insospettabile.

I mafiosi possono essere gioiellieri, appaltatori, costruttori, avvocati, (apparentemente) rispettabili borghesi, ‘uomini d’onore’ che onore NON hanno! È lo Stato che NON c’è,  che li rende forti.

Filippo Salvatore