Rinviate le elezioni al Consorzio di Bonifica Sud. Proteste.

Rinviate di almeno 60 giorni le elezioni per il rinnovo degli organi consortili. La decisione, maturata a distanza di 72 ore dalla scadenza della presentazione delle liste fissata per le ore 18 del 19 Novembre, è stata presa dal Commissario dell’ente, Franco Amicone in sintonia con le richieste delle organizzazioni agricole Confagricoltura, Coldiretti, Copagri e Cia che hanno chiesto in maniera congiunta il rinvio delle elezioni.

La decisione tuttavia non ha trovato d’accordo una parte dei consorziati aventi diritto al voto. Con un comunicato dai toni severi un gruppo di essi riunito bella Lista Consorziati indipendenti fa sapere che Di aver presentato la propria lista “…nonostante la decisione presa dal Commissario Dott. Franco Amicone di rinviare le elezioni di almeno 60 giorni a data da destinarsi.

I rappresentanti di questo gruppo aggiungono di aver presentato lo stesso le liste entro i termini  ” perché crediamo che il Consorzio di Bonifica Sud deve tornare in mano ai consorziati. Quanto accaduto lo scorso 09 novembre, ci spinge a continuare questa battaglia per riprenderci la gestione del Consorzio”.

I “CONSORZIATI INDIPENDENTI” si riferiscono alla delibera n. 432 del 09 novembre 2018 con la quale il Commissario Dott. Franco Amicone (figura monocratica n.d.r.) ha deciso di accontentare la richiesta delle quattro principali organizzazioni sindacali COLDIRETTI, CIA, CONFAGRICOLTURA e COPAGRI di rinviare le elezioni consortili di almeno due mesi!

“Le associazioni di categoria hanno avuto 3 mesi per organizzare i lavori, e non possono richiederne il rinvio – hanno aggiunto – solo.al fine di permettere una concertazione più inclusiva, opportuna ed appropriata in virtù dello svolgimento del rito democratico”.