Salvini alla UE: “Non stanno attaccando un governo, ma un popolo” 

“Non stanno attaccando un governo, ma un popolo” Cosi’ Matteo Salvini, a margine della sua visita a Bucarest, ha risposto alla notizia della stroncatura della manovra di bilancio da parte dei commissari Ue. Il ministro degli Interni ha ribadito che il governo non cadrà per lo spread, come è avvenuto in passato, e non ha intenzione di arretrare: “I signori della speculazione si rassegnino. Indietro non si torna”. Bruxelles ha dato tre settimane di tempo al governo  per modificare il documento e proporne uno nuovo. “Fanno semplicemente irritare di più gli italiani – ha sottolineato il vicepremier leghista – e poi ci si chiede come mai la popolarità della Ue è al minimo in Italia e in Europa”. 

“Se l’Europa cambia, rimette al centro il lavoro e le persone, nessuno più vorrà uscirne, se continueranno a prevalere la finanza, gli interessi delle multinazionali, i soldi di Soros e l’agricoltura tarocca allora non andrà più bene”, ha aggiunto Salvini in una conferenza stampa all’ambasciata italiana.