Quando non c’era lo spread

Diceva Dante Alighieri che le cose tutte quante han ordine tra loro e questo è forma che l’ Universo a Dio fa simigliante. Ogni essere e in definitiva tutto nell’ Universo esiste con un ordine preciso, magari mutando un po’, ma mantenendo la sua forma basilare ed essenziale, che rende ogni cosa -grande o piccola che sia- un’ espressione di Dio.

Il mare, gli scogli, l’ aria di mare, l’ odore di salsedine al mare. A proposito, queste foto spettacolari -simbolo di Armonia del Creato- le ho scattate in Località Casarsa, a Vasto. Ogni cosa parimenti è bella anche in montagna. I pini, i sentieri di montagna, il profumo di mosto. Più avanti ancora, nelle stagioni, l’ odore dei camini, che effonde nei vicoli tuttora da alcune case. Oppure la neve, quando arriva la neve. Le cose semplici della vita, fanno parte di ciascuno di noi e della semplicità francescana, a cui tutti in fondo aspiriamo. Sembra Junker giorni fa abbia asserito che bisogna esser duri con l’ Italia, altrimenti l’ Euro sparisce. Non sono un economista, ma da semplice uomo mi chiedo: siamo nati per esser felici, o per mantenere in piedi una valuta? Se stare nell’ U.E. , o nell’ Euro deve esser migliorativo, ben venga. Se però le politiche di austerity ci portano a soffrire e ci allontanano da tutto quanto di bello vi è nella vita, a che pro continuare a soffrire? Buon San Francesco, Patrono d’ Italia.

Luigi De Socio