Michele Cinquina “#liutista d’Abruzzo” al suo primo disco

M-Cinquina_liuto “Cari tutti,

pochi giorni mi separano dalle registrazioni del mio primo progetto a liuto solo dedicato alla figura di un noto compositore di musica vocale a cavallo tra ‘400 e ‘500 e tante sono le emozioni e i sentimenti che porterò nel cuore nel mio soggiorno a Crema dal 25 al 28 Agosto. Purtroppo per politica della casa discografica non posso aggiungere ulteriori informazioni a quanto già detto; prossimamente verrà reso pubblico il mio lavoro e sarà fatta una promozione ad ampio raggio.

Questo è quel che leggiamo sulla pagina social del vastese Michele Cinquina, Maestro “#liutista d’Abruzzo”.

Il suo primo “progetto” discografico, che va a prendere corpo nei prossimi giorni, fa seguito a un lungo periodo di studio sui testi e partiture dell’epoca e preparazione strumentale portato avanti nel suo personale studio-lab seicentesco (lui ama definirla la sua torretta-faro) di Vasto.

Aggiungiamo volentieri, e direi doverosamente, da concittadini oltre che amanti di musica e cultura che il nostro giovane di provato talento, con semplicità e tanta discrezione, ci chiede di sostenerlo nella sua ‘impresa’ specificatamente artistica e culturale in generale.

“Per la sua realizzazione – annota nel suo post Michele Cinquina – ho necessità del vostro aiuto perché tante sono le spese che sono state affrontate e dovrò sostenere.”

Un appello alla solidarietà che tutti, ciascuno come possibile, privato cittadino amante della musica, e/o piuttosto ente o associazione di attività di ordine pubblico, dobbiamo raccogliere.

Come? Ce lo dice lui stesso:

“Se volete essere promotori di questo mio progetto, avete le informazioni nel biglietto da visita della mia associazione culturale che trovate nella foto a seguito. C’è davvero necessità dell’aiuto di molti e vi ringrazio per ciò che farete nel vostro piccolo.”

M Cinquina liutista

Non c’è da aggiungere altro, se non che è questo un esempio ancora in cui non può essere vero che l’arte e cultura non possono vivere e proporsi degnamente (come altre manifestazioni dello spirito) per ragioni economiche, vere o presunte. In tal senso dobbiamo sentirci tutti, in varia misura e grado, responsabili di una società e di un sistema statale che aiuta e sostiene non sempre appropriatamente, e di certo poco o nulla, i giovani capaci e meritevoli. E il nostro Michele è chiaramente fra questi.

Nel suo percorso, prima didattico e ora professionale, il suo motto ispiratore è: “Bisogna sempre avere un obiettivo da realizzare”. Lodevole e meritevole, a dir poco.

Giuseppe F. Pollutri

Bigliettino M Cinquina

http://www.lacartellamusicale.com