Edilizia scolastica e cultura a Vasto. Intervista all’ass. Bosco.

Intervista a tutto campo di Fabrizio Scampoli con l’assessore Anna Bosco

scuola-palizzi-qLe vacanze estive e il solleone non rallentano la macchina amministrativa e, per affrontare le questioni scolastiche vastesi e non solo, abbiamo incontrato l’assessore Anna Bosco, che ha accettato volentieri di rispondere alle nostre domande.
Assessore, di recente è stata insignita del prestigioso Premio Danilo Cavaliere, riservato ai giovani amministratori. Come mai?
“Si tratta di un riconoscimento importante, che ricorda la memoria di Danilo Cavaliere, giovane amministratore di Palombaro: mi è stato assegnato dall’AICCRE per le politiche europee e per i progetti del 2017. Tra questi, per esempio, l’iniziativa per la ricorrenza del 60° del Trattato di Lisbona, per la Mostra su Filippo Palizzi e per la presidenza per il Faic. Questo riconoscimento prevede anche un Master in Europrogettazione ad ottobre.”
Lei dirige l’importante settore dell’istruzione pubblica. Vogliamo tracciare un bilancio di questi due primi anni di attività amministrativa scolastica?
“E’ un periodo di ristrettezze economiche anche per il Miur, che prevede poche risorse in generale e per docenti, docenti di sostegno e anche per i collaboratori scolastici. Anche per le scuole superiori, gestite dalla Provincia, le risorse risultano carenti. Ciò nonostante, sono stati svolti lavori di edilizia scolastica presso la scuola dell’infanzia al San Paolo, all’Incoronata e allo Stirling. Per la Scuola dell’Infanzia di Vasto Marina, sono stati realizzati lavori per migliorare l’efficienza energetica. Su tutti i plessi, infine, indagini per verificare le capacità antisismiche. Abbiamo potenziato le reti internet per le scuole primarie: abbiamo cercato di migliorare il delicato e fondamentale reparto delle mense scolastiche, lavorando sulla qualità. A ottobre verrà affidato un nuovo incarico per la gestione. Fondamentale, in questo, la collaborazione con la Commissione Mense, con la quale stiamo operando per predisporre un nuovo bando di gara e rilanciare il servizio, dal punto di vista della qualità e della promozione del biologico. Per quanto invece riguarda l’Alternanza Scuola Lavoro, relativamente agli istituti superiori, abbiamo impiegato 48 ragazzi in Comune, tra Urbanistica, Turismo, Ragioneria e Cultura”.
Quali sono i principali progetti per il prossimo anno scolastico?
“Innanzitutto completare quel che è rimasto in sospeso. Si pensa poi di realizzare un progetto relativo allo spreco delle risorse idriche con tutti gli ordini di scuola, in collaborazione con l’assessore Marcello. Vorremmo proporre agli alunni un progetto sportivo di Orienteering, e altri due progetti relativi alla fruizione digitale del patrimonio culturale. Il primo, partendo dalla figura del Palizzi si aprirà all’intero patrimonio artistico cittadino. Il secondo riguarda un museo virtuale su Gabriele Rossetti, in collaborazione col Centro Europeo Studi Rossettiani e l’Itis Mattei. Per quanto riguarda la Cittadinanza: attività nelle scuole di sensibilizzazione/informazione su alcune novità introdotte dal Comune: regolamento sulle disposizioni anticipate di trattamento, sulla carta d’identità elettronica e sul progetto della carta etica”.
Tra le sue deleghe vi è quella all’innovazione e trasformazione digitale. Quali prospettive si aprono per la nostra città in questo fondamentale settore della vita dei cittadini?
“Innanzitutto vi sarà un investimento di 800 mila euro destinato alla banda larga, per coprire le aree ancora carenti del servizio. Inoltre il wi-fi verrà allargato su altre zone pubbliche. E’ stato appena riprogettato il nuovo sito istituzionale del Comune, con una app/portale sulla città. Infine, cercheremo di completare la digitalizzazione delle biblioteche comunali”.
Sono passati due anni dall’insediamento dell’Amministrazione Menna. Può darne una valutazione critica?
“Dopo un primo anno di rodaggio, in cui ho inevitabilmente pagato lo scotto della prima esperienza amministrativa, adesso la macchina amministrativa lavora a pieno regime, anche se abbiamo ereditato qualche situazione critica annosa. Inoltre, sono andati in pensione diversi dirigenti e questo ha creato qualche difficoltà. Cosa ci proponiamo di fare da qui in avanti? Portare avanti tutti gli obiettivi di mandato, lavorando come ha anticipato il sindaco su alcune priorità importanti: una variante al PRG, un nuovo Centro per la Raccolta e il Riciclo dei rifiuti e, last but not least, la ristrutturazione/rivitalizzazione di una struttura Polivalente scolastica nell’ex asilo Carlo Della Penna”.
E per quanto riguarda Agricoltura e Pesca?
“Per la pesca, occorre riorganizzare e riqualificare i punti destinati alla piccola pesca. Per l’agricoltura, avvieremo un tavolo di lavoro sul settore, sui prodotti tipici. Inoltre, cercheremo di trasmettere le istanze degli agricoltori ai referenti regionali. Per quanto infine riguarda la sentita problematica dei cinghiali, incentiveremo le misure deterrenti negli orti, mappando la fauna selvatica con i droni. Attendiamo a breve la visita a Vasto dei delegati regionali per affrontare in modo incisivo il problema di questi ungulati”.