Per un saluto ultimo a Sergio Marchionne, uomo e manager

sergio-marchionne-coverCome per ogni uomo è scritto, come a tutte le creature della terra e dell’universo accade, come Dio ha voluto, l’abruzzese-istriano-canadese Sergio Marchionne non è più tra gli esseri viventi. gfp

Per chi crede in una vita ultra terrena, resta il suo spirito, ancor vivo e affidato alla divina misericordia. Per chi non ha fede in una permanenza dell’anima, rimarrà ad ogni modo incancellabile ciò che è stato, memorabile l’uomo e il manager sarà per ciò che ha voluto e saputo ideare e compiere. Ha prodotto e promosso non soltanto “beni di consumo” ma del Bene economico e pertanto sociale; certamente per il suo personale interesse, come tutti, per quello della collettività, in particolare italiana e statunitense, non meno. Innegabilmente, com’era suo intendimento ”ha lasciato un segno”.

Con la morte improvvisa e in certo qual modo prematura, restiamo privi di un protagonista di rilievo degli accadimenti storici e dello sviluppo del genere umano. Con tutti i suoi pregi e non meno i difetti, con i suoi giusti ed efficaci intendimenti, con le “vergogne e protervie manageriali” che alcuni, pur sostanzialmente beneficiati, per futile e sterile ideologia, quanto crudelmente già nel momento del venir meno dell’esistenza, gli hanno addossato.

Riposi in pace, al di là delle manifestate lodi e dei meriti oggettivi, delle preventive e premature, quanto possibili analisi critiche. Come ogni uomo, come ogni creatura della terra e dell’universo.

Come e giacché così Dio ha voluto.

Giuseppe F. Pollutri

Sergio-Marchione_per un saluto Q