Italia. Tricolore, credo e speranza

2 Giugno 2018

Oggi, ma non solo, di auguri, più che genericamente “l’Italia”, è il popolo italiano, ogni singolo suo cittadino che ne ha bisogno.
Possiamo dirci Stato, Comunità sociale, caratterizzata (apprezzata e invidiata nel mondo) entità storico culturale, geo ambientale, enogastronomica non meno, per questo, non per altro.

L’auspicio, auguratamente comune e condiviso, dev’essere che l’Italia sia realmente vita, ben-essere (… felicità, se si può sognarlo) per tutti i suoi abitanti, che per essi la ideale nazione si mostri ed operi da accudiente e confortevole madre, non da inflessibile, al tempo stesso arruffona e in fondo stracciona … governante, quali che siano i nomi, gli obbiettivi e magari le presunzioni di chi di volta in volta ne ha in mano potere e destino.

È e resta questa la mia più convinta e fondante idea socio-politica, l’irrinunciabile mia umana, seppur sofferta e frequentemente calpestata speranza. (gfp)

bandiera italiana