Vasto. Quattro donne a confronto

DSCF3482

È stato un interessante confronto tra donne, quello che si è svolto presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso tra Sabrina Bocchino (Lega), Alessandra Cappa (Unione per Vasto), Incoronata Ronzitti (Noi con l’Italia) e Carla Zinni (Fratelli d’Italia). L’evento è stato organizzato da Davide D’Alessandro nell’ambito del Festival di cultura, filosofia e politica.

Dopo il discorso introduttivo di D’Alessandro, la prima a prendere la parola è stata Sabrina Bocchino. La donna politica, già consigliere comunale di Vasto con le amministrazioni di centrodestra, ha sottolineato la disparità numerica tra uomini e donne in politica, soprattutto in materia di cariche elettive, anche se non ha mancato di constatare i miglioramenti avutisi nel corso dei decenni, a partire dal Consiglio comunale della nostra città, dove il numero delle donne è aumentato in maniera significativa nel corso degli ultimi anni.

Le divisioni tra donne, secondo la Bocchino, sono una delle cause delle difficoltà che queste incontrano ad affermarsi.

Alessandra Cappa, che ha ricordato come il voto alle donne sia una conquista relativamente recente, e come sia ancora attuale una certa sperequazione salariale tra i sessi, ha incentrato il suo intervento sulla diversità, non solo di genere, come valore da tutelare, ferma restando la parità nei diritti, ovvero l’uguaglianza di dignità pur nella differenza.

Incoronata Ronzitti, invece, ha esordito rivendicando il merito di essere stata la prima donna candidatasi a sindaco della città di Vasto.

“Le donne devono avere meno timore di proporsi” ha dichiarato.

Secondo la Ronzitti, le donne, con la loro diversa sensibilità rispetto alle tematiche politiche, possono dare un valore aggiunto alla politica, ma devono trovare in se stesse la forza di farlo.

“Non sogno un futuro di quote, ma sogno un futuro di pari libertà. Le quote sono la risposta sbagliata, a mio avviso, ad una domanda giusta” ha dichiarato nel suo intervento Carla Zinni, che ha aggiunto: “Io credo che se a noi donne fossero dati gli strumenti per conciliare meglio la politica con il lavoro e la famiglia sarebbero poi gli uomini ad aver bisogno di quote, e non noi donne”. La meritocrazia deve essere, ad avviso della Zinni, il criterio di selezione della classe dirigente.

“La presenza femminile in politica è imprescindibile e fondamentale” ha dichiarato Giuseppe Bellachioma, neodeputato abruzzese della Lega, presente all’evento.

Marco Sfarra

Vastinforma

Vastinforma, il blog di Vasto, del Vastese e… non solo!