Lo Zibaldino

lo zibaldino

In realtà non so come intitolare questo articolo dato che raccoglie tre argomenti diversi e, rifacendomi al grande Guareschi, ho ribadito il titolo di un libretto che tratta di svariati argomenti. Il primo spunto ce lo fornisce Renzi il Bulletto che, se ne esce con una frase-slogan di dubbia efficacia se non per quelli dal palato semplice che credono ed ingoiano tutto quel che si dice loro: “il PD parla alla testa non alla pancia”, volendo con questo significare che loro (quelli del PD) fanno funzionare la testa, mica si abbandonano ai movimenti peristaltici di Salvini, sono persone serie che ragionano, senza abbandonarsi all’istinto. In realtà avrei voluto ricordare al Renzi  l’apologo di Menenio Agrippa che  certamente ricorderà e che certamente non spiegherà ai suoi elettori. Il fatto è che crede che siano Salvini e la destra a parlare alla “pancia”: invece è il contrario: è la pancia che parla agli italiani e l’unico che la ascolta è Salvini.

Altra notizia che NON ti aspetteresti da parte di un governo reputato tra quelli seri che si esprimono con estrema correttezza nei rapporti internazionali, riguarda l’Olanda e la vicenda dell’EMA, l’agenzia europea del farmaco che sarà spostata da Londra: si erano candidate ad ospitarla diverse città: dopo una serie di valutazioni erano rimaste in gara Amsterdam e Milano; come è noto la commissione incaricata di valutare le due proposte ha giudicato le due città assolutamente in parità ed ha deciso di affidarsi al caso, il lancio della monetina che, come ormai noto, ha favorito l’Olanda.  A distanza di qualche mese si viene a sapere che la commissione ha detto e scritto il falso, soprattutto ha accettato per vere le assicurazioni degli olandesi che saranno pronti solo verso metà del 2019, cioè tra un anno e mezzo. Non si sa, a questo punto, che sia più buffone se la Commissione giudicante o gli olandesi: il 23 prossimo la commissione si riunirà nuovamente e, tanto per capire come funziona l’U.E., a capo della commissione è stato posto un giudice … olandese: alle proteste degli italiani (devo pensare solo di maniera) Junker  risponde che un giudice è un giudice e sarà sereno!

L’ultima notizia riguarda la querelle tra Giorgia Meloni ed il direttore del Museo Egizio di Torino Christian Greco che vede la discussione tra i due interpretata ad uso e consumo delle prossime votazioni con la diffusione della falsa notizia secondo cui Fratelli d’Italia vorrebbe cacciare il direttore; dichiara la Meloni che la notizia è una bufala montata ad arte dalla sinistra e rilanciata dalla stampa “intelligente” montata per “coprire una iniziativa idiota del museo”. Aggiunge la Meloni “Il problema non è che contestiamo lo sconto, noi contestiamo lo sconto su base etnica. Se i musei vaticani scegliessero di fare il biglietto scontato solo per i cristiani non penso che Franceschini la prenderebbe benissimo. E mi stupisce che tutta la sinistra difenda una iniziativa discriminatoria come questa”.

Fin qui le ultime dalla campagna elettorale attuale: ometto i cori pro Tito, i cartelli pro foibe, la violenza dei centri sociali, la “copertura” degli spacciatori, la “dimenticanza” sulla atroce morte di Pamela e tante altre cose che costituiscono quella “pancia” che urla e che Matteo e kompagni non ascoltano credendo di poterne fare a meno.

Elio Bitritto