Calvizzano: Primo memoriale Pasquale di Maria ( Magic Art )

image

Calvizzano è un piccolo paese a nord di Napoli. Lì nasce Lella Di Marino, una vulcanica donna che “ama l’amore” e tutto ciò che lo rappresenta. Scrive poesie fin da piccola e romanzi come “Un amore eterno”che ho avuto l’onore di presentare a Vasto presso la Torre Diomedea, in una serata piacevole e coinvolgente. Ora lei si lancia in una nuova avventura e sta finendo di ultimare il primo Memoriale Pasquale Di Maria, suo concittadino ed a detta di tutti, vero gentiluomo dall’animo sensibile che ha regalato emozioni pure, attraverso colori e forme nelle 140 opere che ha realizzato negli ultimi anni di vita. E’ morto giovane il Di Maria, essendo nato il 7 novembre del 1957 e deceduto il 24 marzo 2014. Era un imprenditore edile che, per uno strano caso, univa la materialità del suo lavoro con la sensibilità di artista di talento. Nel pur breve percorso di vita ci ha donato una serie di opere su materiali grezzi come la juta, con tutte le imperfezioni che ci possono essere ma che danno maggiore risalto alla sua tecnica, un misto di olio e acrilico ( Si prepara il supporto con gel acrilico di alta densità che, mentre lo si applica è di colore latteo ed una volta asciutto è trasparente. poi si passa alla pittura ad olio) che da molti è considerata come un’arte “meno nobile”. Ventisette sono i poeti che parteciperanno a questo Memoriale e provengono da varie regioni italiane come Campania, Sicilia, Abruzzo, Toscana, Lazio e Lombardia fra i quali spicca una bambina di soli 10 anni. Ognuno di loro ha scelto il quadro, quello che maggiormente rispecchia il suo intimo io, e lo ha tradotto in versi. Lella Di Marino ha voluto dare un titolo a questo evento ed è venuto fuori: Magic Art, perché “l’arte è magia, dietro un quadro, una musica, un ballo od un canto,c’è l’artista ed il suo desiderio di trasmettere emozioni” mi dice. Due saranno le giornate nelle quali si svolgerà il tutto, il 24 e 25 febbraio, trenta le opere che saranno esposte al Palasport di Calvizzano con il supporto del Comune e dell’Assessorato alla Cultura. E’ stata pensata, inoltre, una lotteria per raccogliere fondi per il restauro di un quadro del Vaccaro della Chiesa di Calvizzano ( Santa Maria delle Grazie). E’ la terza volta che la scrittrice torna con un evento culturale nel suo paese natio, “dove sente di avere le sue radici più profonde, nella certezza che la cultura, insieme alle persone di buona volontà, possano cambiare il mondo”. Come darle torto? Allora invio a Lella, anzitutto le mie congratulazioni per aver organizzato fin nei minimi particolari queste due giornate ed insieme alla Redazione di Quiquotidiano un grande “In bocca al Lupo”.

Anna Maria Orsini