Antonia Falasca, un’eccellenza sportiva locale

DSCF0643

 

È stata recentemente riconfermata presidente della ‘Podistica Vasto’ ed è campionessa regionale di Mezza Maratona. Nelle righe che seguono, Antonia Falasca ci racconterà dello sport che pratica, dei suoi successi e dei suoi prossimi obiettivi.

 

1) Allora, Antonia, iniziamo dalla tua rielezione. Sei stata appena riconfermata presidente dell’Associazione ‘Podistica Vasto’. È evidente che i membri dell’associazione nutrono in te la massima fiducia, specie se teniamo conto dell’ampia maggioranza con cui sei stata riconfermata. Come pensi di adoperarti nel tuo prossimo mandato?

R: Insieme a me, sono stati riconfermati due membri del direttivo precedente e sono stati eletti quattro nuovi membri, tutti dotati di spirito di iniziativa e di buona volontà. Intendiamo proseguire sulla strada già intrapresa puntando però a migliorare. Organizzeremo anche per il prossimo anno il ‘Trail dei Trabocchi’, gara che si svolge a fine aprile in concomitanza col ponte del 1° maggio a Punta Aderci. È un evento che, nel corso degli anni, ha visto crescere tantissimo la partecipazione. Quella del 2018 sarà la 4° edizione e la stiamo già preparando. Puntiamo molto su questa manifestazione poiché, svolgendosi nella Riserva di Punta Aderci, ha una valenza ambientale oltre che agonistica. Riproporremo inoltre il Trofeo podistico ‘Città del Vasto’ e a riguardo stiamo pensando di introdurre qualche novità, essendo ormai quella del prossimo anno la 15° edizione.

 

2) Come ci si sente ad essere campionessa regionale di Mezza Maratona? È questo il tuo più grande risultato sportivo o ce ne sono altri? Quali?

R: È un risultato che sinceramente non mi aspettavo, ne vado fiera poiché, pur essendoci stata un po’ di fortuna ci ho messo tutto il mio impegno. Non è il migliore dei miei risultati quanto a tempo impiegato, ma ho vinto un titolo prestigioso e ne sono felice. Però il più grande risultato resta per me la partecipazione alla maratona perché è una gara più lunga ed impegnativa. Portare a termine una ‘42 Km’ è un’ottima cosa, a prescindere dal risultato.

 

3) I tuoi prossimi obiettivi sportivi?

R: Domenica 3 dicembre sarò in Puglia, a Monopoli, per un’altra Mezza Maratona. Intendo abbassare il mio tempo personale e, per quest’anno, mi fermo qui. Ho in programma infatti di partecipare ad una nuova maratona a primavera; quindi, passate le festività natalizie, inizierò a prepararmi.

 

4) Come – e quando – è nata in te la passione per la podistica?

R: È nata veramente per caso 4 o 5 anni fa. Volevo praticare uno sport ma, per i miei impegni lavorativi, non riuscivo a farlo, così ho cominciato a correre. Mi sono poi accorta di avere una sorta di talento naturale, quindi ho proseguito, poi mi è venuto spontaneo passare dal puro divertimento al piano agonistico, perché lo faccio con piacere.

Io, che ho iniziato a correre in età relativamente avanzata, invito veramente tutti ad intraprendere questa attività perché è uno sport che si può praticare con facilità, scegliendo tra chilometraggi diversi.

 

Marco Sfarra