Cassazione. Il bollo auto si prescrive in 3 anni

auto-rubataCon pronuncia numero 20425/2017 la Cassazione ha confermato che la tassa di circolazione si prescrive dopo 36 mesi, e non dopo 10 anni. La Suprema Corte ha così esteso alla tassa di circolazione il termine di prescrizione per le cartelle di pagamento relative a contributi previdenziali.

Va quindi considerata illegittima una cartella di pagamento notificata dopo tre anni dal mancato saldo del bollo. I tre anni si calcolano a partire dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello a cui si riferiva il pagamento della tassa automobilistica. Un esempio: per il bollo relativo all’anno 2015 la prescrizione scatta il 31 dicembre del 2018: cartelle esattoriali recapitate successivamente a questa data sono quindi fuori legge e impugnabili dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale entro 2 mesi dalla loro comunicazione.