Unione per Vasto: i centralinisti al San Pio lo facciamo noi

cappaAl dirottamento del centralino dell’ospedale di Vasto al ‘Renzetti’ di Lanciano Unione per Vasto non ci sta.

Lo ritiene assurdo e pericolosissimo e considera che questa decisione sia un’altra dimostrazione dell’indifferenza che la Regione Abruzzo mostra nei riguardi delle popolazioni del Vastese.

Per questo il movimento civico fondato dall’ex sindaco e consigliere regionale Giuseppe Tagliente e rappresentato in Consiglio comunale da Alessandra Cappa chiede spiegazioni al Direttore generale della Asl, Pasquale Flacco,al presidente della Regione D’Alfonso, all’assessore alla Sanità Paolucci ed al Sindaco di Vasto.

“Apprendiamo con sconcerto ed indignazione – si legge nella nota indirizzata a costoro – che il servizio di centralino dell”ospedale ‘San Pio’ verrà interrotto per carenza di personale e che le chiamate in entrata/uscita ed anche le interne verranno dirottate sul centralino del presidio di Lanciano.

Ritenendo che tale decisione sia di grave pregiudizio per la funzionalità operativa del nosocomio vastese specialmente in questo periodo estivo nel corso del quale si triplica l’utenza e si moltiplicano i casi di urgenza, Unione per Vasto chiede un intervento il più tempestivo possibile per evitare la chiusura del  centralino, con tutto ciò che ne potrebbe conseguire, e lancia una proposta che è nello stesso tempo, una vera e propria provocazione.

Si dichiara infatti  sin d’ora disponibile, nel caso non si dovessero trovare soluzioni, ad assicurare con l’ausilio dei suoi aderenti il corretto e pieno svolgimento del servizio a puro titolo di volontariato.

Come dire in altri termini: non avete personale? Ebbene disponete pure di noi.