A San Giuseppe (antico devozionale)

Pensierino devozionale del tempo che fu. Semplice, con evidenza popolare ma con un tocco … teologico nel distico finale (forse all’origine un ritornello in una composizione più ampia e articolata).
Lo dedico a tutti i Giuseppe, miei omonimi, ai papà non meno. Così com’è scritto e si legge, anche se dimoranti sotto altro cielo e diversa terra. (Pino Pollutri, 2017)

San Giuseppe (calcografia) gfp-2

San Giusuèppe vicchiarèlle,
Bianghe, rossce e ricciulélle,
Sopr’a lu mmuašte a l’asinèlle
Porte la Madonna bbèlle,
Ddu’ štrècce e lu Bbuambinèlle.

La salvézz’ a nnu’ à date,
San Giusuèppe sia laudàte!

 

La presente scrittura è stata da me ‘trascritta’, con il prezioso aiuto di Fernando D’Annunzio, riconosciuto ‘docente’ in lingua vastarola (o uašteréule).  Ha radici nella personale memoria, nel vissuto orale degli anni quaranta/cinquanta, secolo scorso.