Contr’ordine, compagni e stellini

 

grillo-arrabbiatoMarika Cassimatis era stata scelta dagli iscritti al M5S come candidata sindaco di Genova nel voto online di martedì scorso, ma è intervenuto Grillo e “per tutelare l’immagine e preservare i valori e i principi del M5S” ha bocciato la Cassimatis sostituendola con un suo uomo.

La democrazia sul web di Grillo si trasforma in autocrazia del marchese del Grillo: “io so’ io e voi non siete un cazzo”.

**********

poletti

Il Consiglio dei ministri ha abrogato le norme sui voucher che erano oggetto del referendum indetto dalla Cgil per il prossimo 28 maggio.

Secondo Gentiloni:  «i voucher erano diventati uno strumento gradualmente deteriorato che aveva gradualmente modificato le intenzioni iniziali per le quali era stato introdotto ».

Fino a qualche giorno fa il governo difendeva a spada tratta la misura ed il ministro del Lavoro Poletti aveva dichiarato che i voucher non sarebbe stati aboliti ma al massimo modificati.

Fulgido esempio di incoerenza politica e personale, meriterebbe il Mammoccione d’oro.

Peppino Tagliente