É morto Pasquale Squitieri, regista scomodo.

pasquale-squitieri

Si è spento a 78 anni il regista Pasquale Squitieri. L’avevo incontrato tre o quattro anni fa e mi ero intrattenuto a parlare con lui a pranzo, in una pausa di un convegno. Ne avevo apprezzato subito la grande cultura ma soprattutto la capacità di analisi, fuori da ogni stereotipo e da ogni luogo comune tipico del politically correct dominante. Un uomo controcorrente, come piacciono a me, che non dicono o scrivono banalità. Con la sua scomparsa il mondo culturale e politico italiano perde un pezzo importante, rimane orfano di uno dei pochi cervelli capaci di scuotere e di far riflettere di far vedere ciò che spesso non si vede nelle pieghe della storia ufficiale o della politica. Pasquale Squitieri era nato a Napoli il 27 novembre del 1938 ed era entrato nel mondo del cinema caratterizzandosi subito per il suo anticonformismo rispetto alle mode correnti imperanti in quell’ambiente con film che trovarono il consenso del pubblico più che della critica. Camorra, Il prefetto di ferro, Corleone, Li chiamarono. ..briganti, Claretta ( interpretato dalla moglie Claudia Cardinale), sono film, da lui stesso sceneggiati, in cui ha riletto la storia italiana in modo differente, provocatorio, secondo verità e non secondo schemi ideologici. 

Peppino Tagliente