Vasto. Padre Guglielmo Alimonti torna il 17 dicembre

padre_guglielmo_alimontiNon ti curare del domani, pensa a fare il bene oggi”. È questo un celebre monito di Padre Pio, proclamato Santo il 16 giugno 2002 da Papa Giovanni Paolo II. Una frase che rappresenta tutto il modus operandi nella vicinanza al bisognoso, al malato, all’anziano. Una vocazione alla solidarietà, che ha permesso al Santo di Pietrelcina di essere fondatore dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, punto di riferimento sanitario assoluto per il Sud.

Un approccio al mondo del lavoro controcorrente rispetto al solito, per il suo implicito valore vocazionale. Una vera e propria missione.

È di questo e di altri temi che verterà la testimonianza di Padre Guglielmo Alimonti sabato prossimo a Vasto, ore 11. Il Discepolo di Padre Pio sarà uno degli ospiti dell’evento di inaugurazione della nuova sede della Residenza per Anziani “San Pio”.

La Struttura Protetta è intitolata a Padre Pio sia per la devozione dei gestori, e sia perché latrice dello stesso approccio al lavoro, determinato da princìpi cristiani di caritas e di solidarietà.

Per il “taglio del nastro”, interverranno anche il Sindaco di Vasto Francesco Menna, il Parroco di riferimento della Struttura don Gianni Sciorra e altri ospiti Istituzionali.

Al termine dell’evento buffet e musica con il gruppo musicale Africa Eko Band. La nuova Struttura Residenza per Anziani “San Pio” sorge in via San Rocco 99, nei pressi dell’Istituto Tecnico Industriale “E. Mattei”.

 

Biografia

PADRE GUGLIELMO ALIMONTI

Padre Guglielmo Alimonti nasce a Guardiagrele il 17 ottobre 1929 con il nome di Alessandro da Nicolangelo e Gentile Salvatore. Quarto di sette figli cresce in una famiglia operosa e timorata di Dio. La madre, terziaria francescana, lo educa all’amore di S. Francesco. Amorevolmente accolto dai frati che gli affidano piccoli servizi, ama trascorrere molte ore del giorno nella biblioteca, immerso nella lettura.

Il 18 novembre 1944, maturata la sua vocazione, dopo una giornata di viaggio con mezzi di fortuna, giunge al Seminario cappuccino di Sulmona dove inizia il suo percorso di formazione per diventare sacerdote tra i Frati Minori Cappuccini della Provincia di Abruzzo.

Viene ordinato sacerdote il 25 luglio 1956. Dopo diversi anni trascorsi con incarichi pastorali di assistenza spirituale agli operai delle fabbriche e all’Ordine Francescano Secolare è suo desiderio recarsi in missione in America Latina. L’incontro con Padre Pio cambia tutta la sua vita.

Padre Pio stesso gli indica la sede della missione nella città di Pescara in Abruzzo: “Stai lì e prega per me”. Difatti qui nel 1977 inizia la sua testimonianza su Padre Pio e comincia a fondare i primi Gruppi di Preghiera di Padre Pio.

Con il tempo ne fonda circa 400 e a Pescara presso il Convento dei Frati Minori Cappuccini si stabilisce il Centro Regionale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio della Regione Abruzzo.

Le attività del Centro sono molteplici: dalla produzione e divulgazione di opuscoli per la preghiera, a libri di meditazioni e catechesi, alla produzione di canti originali ispirati alla spiritualità di S. Pio da Pietrelcina. Fulcro di tale intensa attività di preghiera è la Basilica Santuario dedicata alla Madonna dei Sette Dolori dove da ormai più di 30 anni Padre Guglielmo celebra la Santa Messa alle ore 6.00 di mattina.