San Salvo. Il Premio al merito scolastico

dsc_0004Quella in carica è un’amministrazione comunale che ha realizzato importanti opere pubbliche. Tutto ciò però non è sufficiente a far crescere San Salvo se non è accompagnato dal valore della cultura e dello studio. Per questo è stato necessario dare un segnale forte rivolto ai più giovani: dare valore e importanza al merito per una città che è fondata sulla meritocrazia, sull’impegno e sulla passione.

Sono queste alcune delle motivazioni alla base della manifestazione che si è svolta questa mattina per premiare il merito scolastico e ospitata nel Centro culturale “Aldo Moro” giunta alla quinta edizione e che ha permesso di riconoscere il merito di 245 studenti per una sorta di competizione positiva crescendo per numero anno dopo anno.

«Perché il Comune di San Salvo – si è chiesto il sindaco Tiziana Magnacca nel suo saluto agli studenti e ai loro familiari – premia i meritevoli. Non solo perché avete conseguito i migliori voti. Non solo, ma perché è il simbolo di un percorso nel corso del quale avete dato il meglio di voi stessi. Avete fatto delle rinunce per riservare quel tempo, magari strappato al divertimento, allo studio. Per questo siete un esempio per tutti che deve essere seguito dimostrando amore per la conoscenza e il sapere. Siate i migliori ma mai egoisti per condividere il vostro sapere con chi fa più fatica».

Il sindaco ha evidenziato come il voto pur essendo un risultato individuale e a beneficio di tutta la collettività perché le ricadute delle formazioni sono per tutta la comunità «perché avremo persone preparate e selezionate per le loro capacità e i loro meriti, con voi cresce la nostra Città, in un mondo sempre più piccolo dove cresce la competizione globale».

Eugenio Spadano, presidente del Consiglio comunale, a nome di tutta l’assise civica ha salutato quanti hanno partecipato alla manifestazione, diventata un appuntamento tradizionale per il Comune di San Salvo. «E’ questo il giorno del riconoscimento al merito scolastico – ha affermato Spadano – che vede premiare 62 studenti che lo scorso anno scolastico hanno completato il loro ciclo di studi con il massimo dei voti. Un’iniziativa che, anno dopo anno, è cresciuta spingendo gli studenti a emulare i loro compagni nell’applicazione allo studio».

A tutti gli studenti premiati sono stati consegnati dei libri, la Costituzione italiana quale “stella polare, perché non ci può essere merito senza rispetto delle regole” e una pergamena sulla quale è riportata una frase per l’impegno autentico profuso per il conseguimento del massimo dei voti: “Il segreto del successo è conoscere qualche cosa che nessun altro conosce”.

Alla premiazione erano presenti le dirigenti scolastiche Sara Solipaca (istituti superiori), Teresa Ascione (Istituto comprensivo n. 1) e Anna Orsatti (Istituto comprensivo n. 2) che hanno portato il loro saluto e gli assessori alla Cultura Giovanni Artese e alla Scuola e alle Politiche sociali Maria Travaglini.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: