Per una difesa comune europea

I ministeri della Difesa e degli Affari Esteri hanno reso pubblico il Libro Bianco della Difesa Europea, il documento  di base degli accordi presi in materia militare dalla Cancelliera tedesca Angela Merkel, dal Primo Minitro italiano Mateeo Renzi e dal Presidente della Francia François Hollande nel loro recente incontro all’isola di Ventotene. È a Ventotene che Altiero Spinelli scrisse il suo Manifesto che puo’ essere visto come un documento fondamentale per la nascita dell’Unione Europea di oggi.

 ‘Solo un ‘Europa capace di difendersi autonomamente puo’ garantire la pace’: ecco un principio fondamentale del Manifesto di Ventotene. L’Unione Europea, un gigante economico,ma un nano politico e militare, continuerà ad esistere solo se i suoi tre paesi piu’ importanti, la Germania, l’Italia e la Francia collaboreranno e avranno una difesa comune,( alla quale potranno aggiungersi altri stati membri) affrancandosi cosi’ dalla NATO, un rudere della guerra fredda. Dopo la Brexit e con l’Imposizione della dittatura in Turchia, la difesa comune europea è una necessità immediata, fondamentale. L’Europa della Difesa farà trarre cospicui benefici all’industria bellica, metterà il Mediterraneo al centro della politica estera europea, servirà ad arginare il flusso migratorio illegale e rilancerà la necessità di un’Europa unita.
Filippo Salvatore