La sciàbica e dintorni – 2

Sulla pesca marinara con la Sciàbica, in “risposta” alla memoria rievocatica in prosa di Pino Pollutri, non poteva che dar seguito, dal suo … cantone vernacolare, l’arguto Fernando D’Annunzio.  Una descrizione in versi, quella che qui ci piace di riportare traendola dai social, che rende assai viva con il dialetto (proprio quello in uso ai sciabicari di allora), la scena e l’atmosfera di lunghi silenzi e di improvvise interiezioni e richiami che sul far del giorno animavano in riva, alla Marina, le calate, la tratta, la raccolta e spartizione conclusiva del pescato.

li_sciabica a vasto_cover

E’ ppéuche lu puàsce \ ma jé ppruvvudenze! …

 

La sciâbbiche

Chi huârde …
Chi tèire …
Chi štrille gne ‘n’alma dannäte:
– Mittéte lu puét’ a lu piàmme! –

Lu suàule šta ‘ nnâsce.
La ràite arillìuce.
Mijelle che zòmbe … d’argente …

Cchiù štä, cchiù li mâje si štràgne.
Intânde lu cèrchie si chjìute.

E’ come nu bbuâlle;
li vicchie cummuânne:
– Tiréte… ni’ ddate štrattâne!
Štriggnàte… mo ‘rrive lu suâcche! –

Nu ccuòne di päsce ci štä:
sett’ otte mijèlle, ddu’ ‘hìjje;
lu ruìšte è ’licette e risciùle.

Mo tutti šta’ ‘ndurn’ a huardä.

Šta nu gragnuluàtte! Fa piäne! –
– Abbäte, n’ ti fa’ pizziché! –

Avâšte a fa’ chiäcchiere mé!
E’ ppéuche lu puàsce
ma jé ppruvvudenze,
mittétele dendr’ a ‘ssu truâgne,
…ca pure pi’ ugge si mâgne! –

Fernando D’Annunzio

sciabica alla Marina di Vasto_fotocolor

Traduzione dal dialetto vastese dello stesso autore:
La sciàbica

(Pesca che si pratica manualmente, vicino la riva, con un particolare tipo di rete che termina con un sacco)

Chi guarda…/ Chi tira…/ Chi grida come alma dannata: / – Tenete il piede sul piombo! –
Il sole sta sorgendo. / La rete luccica. / Muggini che saltano… d’argento…
Man mano le maglie si fanno più strette. / Intanto il cerchio si chiude.
E’ come un ballo; / i vecchi comandano: / – Tirate, senza strattonare! / Stringete perché arriva il sacco! –
Un poco di pesce ci sta: / sette-otto muggini, due aguglie; il restante sono alici e triglie.
Ora tutti stanno intorno a guardare.
– …C’è un pesce ragno (tracina)! Fai piano! – / – Attento, non farti pungere! –
– Basta con le chiacchiere adesso! / Ce n’è poco di pesce / ma è provvidenza, / mettetelo tutto nel secchio, / …‘che anche per oggi abbiamo qualcosa da mangiare.