Vasto. 2′ seduta del Consiglio. Principianti allo sbaraglio mentre il bilancio …piange.

capp

Ieri seconda seduta del consiglio comunale. Piatto forte: approvazione del bilancio ed esposizione delle linee programmatiche per il governo della città per i prossimi cinque anni. Unione per Vasto ha fatto sentire la sua voce, anche più degli altri componenti dell’opposizione, criticando puntualmente gli artifizi contabili disseminati a decine nel bilancio; manifestando concrete perplessità sulla reale situazione finanziaria della città sino ad arrivare a chiedere, all’attuale amministrazione, di riconoscere la situazione di sostanziale dissesto, di là degli artificiosi equilibri di bilancio. Ciò che più ha sconcertato è stata la incapacità del sindaco a replicare alle puntuali critiche avanzate, l’insofferenza nei confronti della voce dell’opposizione, gli interventi, nel merito, del Presidente Forte, intervenuto a gamba tesa, più volte, nel tentativo (vano) di “imbavagliare” la nostra voce. Ma ciò che forse deve indurre a riflettere di più è il clamoroso atteggiamento dei componenti la giunta e dei consiglieri di maggioranza, che hanno dato la (reale) impressione di non sapere nulla dei fondamentali atti che si stavano compiendo. Questi ultimi, in particolare, senza neanche un foglio delle centinaia che componevano il bilancio ed i suoi allegati, si sono limitati ad alzare la mano al segnale di voto, con una noncuranza che lascia i brividi addosso. Ieri secondo consiglio comunale. Piatto forte: la vita della nostra città. Non s’è visto né fumo, né arrosto.


Alessandra Cappa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: