L’Imam Sharif Lorenzini “Siamo qui per rieducare e bonificare l’Italia e gli italiani”

Facci Lorenzini

Nel corso di una delle puntate di “Dalla vostra parte” abbiamo dovuto assistere ad un linciaggio morale del moderato imam nei confronti del giornalista Filippo Facci. La posizione di Facci sull’Islam è nota ed il suo giudizio sulla possibilità di una integrazione dei musulmani con l’occidente è esclusa in modo perentorio. In pratica Facci ritiene che ci sia una incompatibilità di fondo con gli italiani sia per cultura che per la totale mancanza di senso della democrazia. Il loro unico fine è dettato dalla teocrazia che non prevede alcuna forma di dialogo, siamo ancora all’ipse dixit, al dogma della fede che prevede la sottomissione del “popolo del Libro” (gli ebrei) e dei “nazareni” (i cristiani): questi­­ o si convertono, o sono cacciati, o sono vessati di tributi o, nel peggiore dei casi, uccisi. Filippo Facci conclude il suo intervento ponendo la domanda “Ma cosa ci fate qui? Perché non ve ne andate?”. La replica del moderatissimo imam è stata grosso modo la seguente “Io sono più italiano di lei, vada via! Questa è casa mia e qui porto avanti l’Italia e la purifico da gente come lei, che non meritano neanche di essere chiamate italiane. Lei è pieno di odio, razzismo, arroganza, nonché di ignoranza. Lei deve essere rieducato! Lei non ha imparato niente dalla Costituzione italiana. Lei deve imparare l’educazione!” Credo che tutti i lettori di questa testata si rendano conto delle parole minacciose di questo tipo per il quale la definizione di “moderato” ha un altro significato in arabo. Resta il fatto che questo bipede sorridente ed irridente ha riesumato termini come “bonifica e rieducazione” che ricordano le purghe staliniane e i campi di “rieducazione” della Cina di Mao (e anche dei giorni nostri!) o quelli di Pol Pot in Cambogia. Affermazioni gravissime che indicano la vera indole di questi musulmani su cui non si può più tergiversare: questi sono incompatibili con la Civiltà occidentale e se mai dovessero diventare maggioranza o peso politico “forte” un domani, sappiamo già come sarà trattato chi non la pensa come loro.

Elio Bitritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: