Da settembre domande sussidio povertà

body_povertaParte anche in Abruzzo il programma nazionale per l’Inclusione Attiva (Sia) per la lotta alle povertà. Il via libera dopo una riunione tra i rappresentanti del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e gli Ambiti sociali regionali che dovranno gestire, insieme con i Comuni e l’Inps, la partita sulle modalità di attuazione delle misure previste nel piano nazionale. Con il Sia cambia totalmente la filosofia di sostegno alle persone e famiglie che versano in stato di povertà. “Viene completamente capovolta – spiega l’assessore alle Politiche sociali Marinella Sclocco che ha coordinato la riunione operativa – la vecchia filosofia della lotta alla povertà, basata tutta sulla cosiddetta social card, un sistema passivo di assistenzialismo che ha generato non poche disfunzioni non venendo incontro alle reali esigenze delle famiglie più bisognose. Per avere infatti l’erogazione del sussidio economico sarà necessario aderire ad un progetto personalizzato sociale e lavorativo”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: