Vasto – Bandiera Blu

bandiera blu

Sono state rese note le località turistiche che hanno ricevuto il riconoscimento della Bandiera Blu per il 2016: il primo aspetto che emerge è un generale incremento del numero di località premiate con la sola eccezione di Romagna ed Abruzzo: in particolare, per quanto ci riguarda le bandiere Blu sono sei, due in meno rispetto allo scorso anno. L’attribuzione a Vasto dell’ennesima Bandiera Blu se da un lato ci fa piacere, dall’altro pone degli interrogativi: su oltre 18 chilometri di costa, con dei riconoscimenti “estetici” nazionali, le bandiere blu si riferiscono solo a Punta Penna e a Vignola, con l’esclusione evidente della spiaggia, del golfo lunato, della parte che accoglie e raccoglie il maggior numero di vacanzieri. Pensiamo che ci sia qualcosa che non è chiaro: la Bandiera Blu si riferisce alla sola balneabilità delle acque o prende in considerazione, come credevo e credo, anche i servizi? Dove è il confine della balneabilità tra Vignola e Torricella? C’è soluzione di continuità tra Vignola e Punta Penna? E per Punta Penna la balneabilità si riferisce a nord o a sud del porto? Secondo me il mare ed i servizi a Vasto non meritano questa diversificazione: l’assegnazione che individua anche singoli tratti di costa come meritevoli o meno del riconoscimento, altera la percezione totale nel senso che il turista si chiede se Vasto, non il singolo tratto di costa abbia avuto o no la Bandiera Blu. Resta il fatto che l’Abruzzo ha perso due bandiere rispetto allo scorso anno, fermandosi a quota sei: rispetto al 2014 erano 10 e nel 2013 erano addirittura 14 con una perdita secca di 8, diconsi otto riconoscimenti! Perché?

Elio Bitritto

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: