Vasto – Il dramma di Peppino Forte

sordi e ombrello

Il pezzo … Forte di Forte, oggi 12 aprile è la drammatica domanda che viene posta sul sito del quasi ex presidente del consiglio comunale “chi si nasconde dietro Massimo Desiati”? Non è dato sapere a chi viene rivolta la domanda, se a Massimo, se ai suoi elettori, se ai cittadini vastesi, se a chi sa chi! Conoscere le rendite personali di un cittadino qualsiasi, che non è ancora figura istituzionale, e quindi non deve rendere conto a nessuno, è certamente meno impellente che chiedersi, come hanno fatto i cittadini in questi ultimi dieci anni, come sono stati spesi i soldi delle tasse locali e nazionali che hanno visto la nostra Città degradare fino a diventare la brutta copia di quella che le precedenti amministrazioni avevano lasciato. Peppino Forte si chiede e chiede, non so quanto preoccupato, chi ci sia dietro Massimo: ebbene intanto dietro Massimo ci sono i cosiddetti “poteri forti”, quei 5.400 vastesi, la risposta più immediata che la città potesse dare ai 4.400 cittadini, compresi i minorenni, che hanno scelto Francesco Menna nel disperato tentativo di dare un’immagine “ripulita” e rinnovata di una amministrazione deficitaria. Comunque, tanto per cazzeggiare, da fonte riservata ma affidabile, siamo venuti a conoscenza di alcuni tabulati telefonici da cui risulta la promessa di cospicui finanziamenti da parte della Corea del Nord attraverso i buoni uffici del senatore Razzi. La contropartita sembra sia rappresentata dall’assegnazione di una rampa di lancio missilistica in località Buona Notte! Altre sovvenzioni sembra siano state promesse dall’entourage di Hillary Clinton in cambio di accordi commerciali basati sul pomodoro mezzo tempo e sulla “scapece” da parte di Massimo e fornitura gratuita di benzina a 120 ottani per gli automobilisti vastesi. Sembra peraltro certo che altri sponsor, per ora, ma solo per ora, occulti, saranno presto a Vasto per stabilire una serie di Joint Venture che incrementeranno gli scambi commerciali tra Vasto ed i Paesi emergenti: in cambio chiedono la consulenza di Peppino Forte da utilizzare come arma di distruzione di massa delle economie dei Paesi confinanti. Queste le notizie che siamo riusciti a carpire, anche mediante delle microspie, da collaboratori di Massimo Desiati. Siamo disposti comunque a soddisfare eventuali ulteriori richieste da parte dell’ineffabile Peppino Forte che si cala nei panni dei cittadini vastesi e, come dice lui stesso Legittimo chiedere: chi sta dietro alla sua candidatura e per quali motivi?  La risposta non può che essere “Chiedete e vi sarà dato (pardon detto)”!

Canaris