Vasto:Canda si è ggiaune e nghi na spese bbelle viceine lu monne sambre ca è tutte lu tuè….

11275602_752811861507197_1546830728_o (2)Sono questi gli ultimi versi d’amore che ho estrapolato da una poesia di Nicola Lemme, padre di mio genero Mario, prima che morisse un mese fa. Allora non ho scritto niente, io che di solito invio un pensiero per quelli che conosco,perchè si era a ridosso delle primarie e non volevo, in nessun modo che mi si dicesse che approfittavo di questa occasione per indirizzare il voto nei confronti di chi è direttore di questo giornale, dopo che mi ero dichiarata apertamente a favore di Tagliente per una sua possibile vittoria.Ora invece posso tranquillamente offrire un ricordo mio personale alla moglie,ai figli, ai generi,ai numerosi nipoti ed alla piccolissima pronipote, pubblicando interamente una poesia in dialetto vastese che lui scrisse in occasione del cinquantesimo anniversario di matrimonio e che si intitola:
 
Le nozze d’eure
 
Ujje è feste a la casa ma’, è festa granne
ujje facce cinquand’anne
non d’etè, queste è certe,ma di matrimonie
d’enne ni tinghe cacchi d’une di cchiù
piccà, si vaide?
Avete da sapà che stamateine
uardannime a lu specchie
m’aja riveste come andanne
cand’avave trentun’anne.
Sibbite m’aje dete n’arizzilete
e m’aja rimasse anneve
aripinzanne di ujje a cinquand’anne arrete.
 
Chi lu specchie stamateine sa vè ‘mbasceite
mi faciaive arividà ggiuvunotte
mi faciaive sindè gne nu guallicce
nu guallicce gne chelle di na vodde
nghi la ceime bbianghe e rrasce
e sembre ngricchete.
 
No ppi vandascè, e mmè li puzze deice
n’aje fatte cent’e une
ma une, e l’aje ricanasce
m’ha fatte varive e ccarase
ere belle e ngi staive da deice.
Si stete ti, Annè,
che ddope mi si dete tanta ggioje e tante fejje.
 
T’aricurde, Annè,
canda mi si dete la prima fejje?
chi cundundazze, era na fimminicce
canda capilotte aj fatte
li pite ‘derre ngi lu tuccave cchhiù
e tti, nghi tanta tinerazze,
 ti la strigneve ‘mbette gne nu bambinelle:
avè nate Flora.
Era timbe bbille ma piene di sacrifecie.
Si tireve annanze coma si putaive
ma canda si è ggiaune
e nghi na spese bbelle viceine
lu monne sambre ca è tutte lu tuè.
Dope, mman mane
la fameje s’è ‘ngrussuete
hanne nate Maria Teresa,Diana, Antonella,
e canda simbreve ca tutte s’avè accujatete
chi scì bbinidatte,
ecche ca n’arreive n’addre: Mario
ma, coma si deice a stu manne,
chi ttè tanta fejje tè tanta lume de Deie.
Ujje a sta feste
vidame tant giune
sonne tutti fejje di li fijja nustre,
chi vonne vidà
quelle ca l’onne fatte li nunne
a stu mumende, cinquand’anne arrete,
canda esse ngi stavine.
Fijje,neure,jinnire e nipite,
 tujjete li bbiccijere
ca mè, tutti nzimbre, la rifaciame
nu bbrindise
augurannivi nghi tutte lu chere
ca pure vi, come nnì,
faciaite li nozze d’eure.
Che dire? Con questi versi Nicola ha racchiuso tutta una vita intera: La sua gioventù, il tempo che passa velocemente, lo specchio che gli riporta l’immagine del ragazzo che si accingeva a sposarsi, la moglie alla quale dedica tenere parole, il tempo dei sacrifici fatti insieme, la nascita degli adorati figli ed i nipoti presenti alla festa dei cinquant’anni di matrimonio che invita ad alzare i calici con l’augurio che anche loro possano arrivare a festeggiare le nozze d’oro. Il mio ricordo personale di Nicola, invece, è di quando, pochi giorni prima che morisse, sono andata a trovarlo insieme a mio marito e congedandoci mi ha detto:- Grazie Annamarì per questa bella visita!- Ciao Nicola
 
Anna Maria Orsini